Asportazione chirurgica polipo al colon

L’asportazione chirurgica di un polipo al colon è definita come polipectomia. Il polipo è un tessuto in eccesso, solitamente benevolo, ma alcuni tipi di polipi intestinali possono evolvere in una forma di cancro. Per tale motivo è utile toglierli, cosa fattibile durante una colonscopia o una sigmoidoscopia. Vediamo di cosa si tratta.

Polipi al colon e test genetici, utili?

Test genetici per stabilire se si soffrirà di polipi al colon? In taluni casi si può optare per questa ipotesi, anche se-va sottolineato- il problema non è il polipo intestinale di per se stesso quanto la sua correlazione con il tumore al colon retto. I polipi al colon sono infatti delle comuni escrescenze benigne che si sviluppano sul rivestimento interno della parete gastrointestinale: a causa di alcune mutazioni genetiche le cellule del tessuto proliferano in modo eccessivo. Talune tipologie, con il passare degli anni possono evolvere in forme maligne. Altresì esistono alcune malattie genetiche ereditarie caratterizzate da queste escrescenze e non va dimenticato che sia i polipi che il cancro colon-rettale hanno una forte componente di familiarità.

Polipi al colon sintomi, quali sono?

Quali sono i sintomi dei polipi al colon?  In genere i polipi al colon -comuni escrescenze che nascono sul rivestimento della parete interna dell’intestino- non danno sintomi e si riscontrano solo per caso in seguito ad un’indagine diagnostica per altri disturbi o in test di screening per il tumore del colon. I polipi al colon infatti, seppur benigni, sono strettamente legati a questa forma di neoplasia, verso la quale alcuni tipi possono evolvere. Capita comunque che talune persone segnalino alcuni disturbi correlati alla presenza di polipi intestinali. Vediamo insieme quali possono essere e perché non andrebbero trascurati.

Sindrome di Peutz-Jeghers

Sindrome di Peutz-Jeghers

La sindrome di Peutz-Jeghers è una malattia spesso tramandata in via ereditaria, nella quale la persona sviluppa polipi intestinali ed ha un rischio significativamente più elevato di sviluppare alcuni tumori. Il National Institutes of Health stima che colpisce circa un neonato ogni 300.000. Ci sono due tipi di sindrome di Peutz-Jeghers:

  • Sindrome di Peutz-Jeghers ereditaria, dovuta ad una mutazione in un gene chiamato STK11. Il difetto genetico si tramanda ereditariamente con modalità autosomica dominante. Questo significa che se uno dei genitori ha questo tipo di malattia, si hanno il 50% di possibilità che il bambino erediti il gene e abbia la malattia;
  • Sindrome di Peutz-Jeghers sporadica che non si trasmette ereditariamente e sembra slegata dalla mutazione del gene STK11.