Tumore ovaio, test Brca per prevenire

Il test Brca è considerato ad oggi un efficace strumento di prevenzione del tumore all’ovaio che nell’80% delle donne che ne sono colpite viene purtroppo scoperto in fase avanzata. Questo test, invece, è in grado di identificare alcune mutazioni genetiche che innalzano il rischio di essere colpite da questo tipo di cancro. L’argomento è stato oggetto di discussione nel Congresso dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), tenutosi a Roma.

Tumore ovaie, 4 sintomi da non ignorare

Tumore ovaie, sono 4 i sintomi che non bisogna ignorare per prevenire gli effetti di questo killer silenzioso delle donne. Sintomatologia che va tenuta sotto controllo a qualsiasi età. E non solo per preservare la propria fertilità.

Tumore ovaio e rischio recidiva

Richiesta di Consulto Medico su tumore ovaio e rischio recidiva
Buonasera, a mia madre è stato diagnosticato un tumore all’ovaio, purtroppo se ne è accorta per caso quando la massa aveva raggiunto delle dimensioni abbastanza significative e premeva sulla vescica. E’ stata operata d’urgenza e le è stato asportato utero, ovaie, sigma colon, tutte le linfoghiandole, e appendice. In aggiunta ha avuto anche il washing peritoneale. L’operazione è stata abbastanza invasiva e l’ha debilitata molto. Tuttavia in ospedale i chirurghi hanno detto che è stato necessario asportare tutto questo non perché infette, ma poiché hanno una elevata probabilità eventualmente di ammalarsi. Il residuo tumorale è zero e dalla risonanza con contrasto gli altri organi risultano sani. Se la massa tumorale non ha intaccato gli altri organi, si può ancora parlare di tumore in stadio precoce? Quanto sono recidivi questi tumori? In che lasso di tempo in genere si verifica la recidività? Si potrebbe optare per una cura ormonale invece che per una chemioterapia? Grazie mille.

Tumore ovarico, un killer silenzioso

Il tumore ovarico è un killer silenzioso che colpisce le donne e che mina la loro sopravvivenza rimanendo silente per molto tempo. La Giornata Mondiale contro questa malattia del prossimo 6 maggio serve proprio per mettere il punto sulle strategie da utilizzare per rendere la compagine femminile consapevole e quindi più protetta.

K. ovaio, quali cure salvavita?

Richiesta di Consulto Medico
Gentile esperto, Recentemente a una mia amica è stato diagnosticato: k ovaio con diffusione extraperitoneale. Versamento pleurico TEP (detto a voce: del 4 livello) biopsie: infiltrazione ci carcinoma sieroso di alto grado. Per sapere, ci possono essere delle cure adeguate che possono salvargli la vita? In attesa di una sua risposta le porgo i miei più cordiali saluti.

Angelina Jolie racconta la sua mastectomia preventiva

“Mia madre ha lottato contro il cancro per quasi 10 anni ed è morta che ne aveva 56….” E’ con queste parole che inizia la lettera di Angelina Jolie postata stamane sul New York Times online dal titolo “La mia Scelta medica”, in cui, con una grande serenità spiega perché ha deciso di sottoporsi ad una mastectomia preventiva bilaterale (ad entrambe i seni). L’iter chirurgico che descrive nel dettaglio è iniziato lo scorso due febbraio e si è concluso il 27 aprile. Tre lunghi mesi in cui è riuscita (quasi miracolosamente) a mantenere la privacy e a continuare a lavorare. Ma perché farsi asportare i seni? Di cosa si tratta? A che serve? Lo spiega ancora nella lettera:

Giornata Mondiale per il tumore ovarico 8 maggio

L’8 maggio è la Giornata Mondiale per il tumore ovarico, un carcinoma maligno, causato dalla proliferazione incontrollata delle cellule dell’ovaio. Ad oggi è la più letale delle neoplasie ginecologiche, solo nel nostro Paese ogni anno vengono diagnosticati circa 5mila nuovi casi. Il più delle volte la diagnosi arriva troppo tardi, quando il tumore è in fase avanzata e le speranze di sopravvivere sono molto limitate.

Cancro ovarico: la prevenzione passa per una cellula?

Un nuovo metodo di prevenzione o cura del cancro ovarico grazie ad una cellula recentemente scoperta? Potrebbe davvero essere questa la chiave di volta in merito ai problemi dell’apparato sessuale femminile? E’ presto per dirlo. Quel che è certo è che i ricercatori australiani dell’Università di Adelaide hanno scoperto quale cellula dà davvero origine alla formazione dei suddetti organi riproduttivi.

Cancro alle ovaie: colpisce di più le donne alte

L’altezza potrebbe rappresentare un fattore di rischio per il cancro alle ovaie. Secondo una ricerca recentemente condotta dagli scienziati dell’Università di Oxford e pubblicata sulla rivista di settore Plos Medicine, le donne di statura più elevata avrebbero maggiori probabilità di sviluppare il tumore ovarico rispetto a quelle più basse. Cinque centimetri: è questa la misura che può arrivare a fare la differenza tra una donna sana ed una malata di questo particolare tumore.

Dolori addominali: cause e terapie

Dolori addominali. Chi almeno una volta nella vita non li ha provati? Sono molto frequenti (spesso e per fortuna passeggeri), perché effettivamente l’addome è un’area piuttosto vasta dell’organismo, che comprende numerosi organi e muscoli. Al termine “addome” ( o pancia) corrisponde un’area anatomica che va frontalmente dalle costole fino all’osso pelvico, mentre lateralmente si estende su ambedue i fianchi.

Tumore seno ed ovaio, aumenta sopravvivenza malate

Una buona notizia arriva dal fronte della lotta contro il tumore al seno ed al cancro ovarico. Aumenta infatti il numero di donne guarite, ma soprattutto migliora la loro salute e la qualità della loro vita.

Effettuando un discorso generale, si stima che l’aumento di sopravvivenza in Europa dopo cinque anni dalla diagnosi di un tumore sia pari al 5% per gli uomini ed alle 7% per le donne; una percentuale che sale dal 74% all’83% se si parla solamente del tumore al seno. Discorso analogo è valido per i tumori dell’ovaio: in questo caso, rispetto al laconico 20% di qualche decennio fa si è passati ad una percentuale di sopravvivenza pari al 30-40%.

Festa della Donna: visite mediche gratuite a Roma

La Festa della Donna si celebra in tutta Italia con numerose proposte a favore del mondo femminile. Non può dunque mancare l’aspetto che riguarda la salute, con la prevenzione in primis. Ecco allora qualche iniziativa che si svolgerà a Roma, ma che sappiamo di sicuro essere presente anche in altre città.

Il II° Municipio ad esempio  si è attivato per offrire alle cittadine romane alcune preziose indagini diagnostiche in forma gratuita.