Consigli per salvaguardare la vista se si passano molte ore al pc

Non è affatto un mistero che, al giorno d’oggi, pc e smartphone siano diventati l’oggetto principale con cui passiamo le nostre giornate. Che sia per motivi strettamente di lavoro che per ragioni di svago e di divertimento, stare davanti ad uno schermo è diventata una vera e propria abitudine che, però, può avere anche diversi risvolti negativi.

salvaguardare la vista

Proteggere la vista, 5 cose da non fare

Se si desidera proteggere la vista vi sono almeno 5 cose da non fare. Abitudini che sul lungo termine possono causare veri e propri danni agli occhi ed irritarli senza motivazione. Scopriamo insieme quali sono.

Alzheimer, esame all’occhio per diagnosi precoce?

Un esame all’occhio per diagnosticare l’Alzheimer in anticipo? E’ quanto si afferma in uno studio presentato al Meeting Annuale della Association for Research in Vision and Ophthalmology (ARVO) in corso a Seattle e che consentirebbe dunque una diagnosi precoce di questa malattia.

Gusto dipende da udito e vista?

Il senso del gusto? A quanto pare dipende in buona parte anche da vista ed udito. E’ come se fosse una illusione che il nostro cervello costruisce e che dipende per metà dagli ingredienti che lo compongono e per l’altra parte da fattori “assimilabili” con gli altri due sensi citati.

Stress visivo, calcoliamolo con un’app

Quanto può un dispositivo digitale stancare la nostra vista? La risposta è ovviamente legata alla sua tipologia ed al tempo che passiamo utilizzandolo. Ma come misurarlo? La Zeiss ha creato un’app per smartphone in grado di farlo, “Stress visivo”.

Giornata Mondiale della vista, 11 ottobre 2012

L’11 ottobre 2012 si celebra la Giornata Mondiale della Vista, un appuntamento importante, organizzato dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità – IAPB Italia onlus in collaborazione con l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). La prevenzione, infatti, è un’arma molto potente e in molti casi può salvare la vista, un bene prezioso e come tale da preservare.

Vista, prevenire le malattie grazie alle nuove tecnologie

Il 61% degli italiani non si prende cura della propria vista. Un vero peccato giacché, grazie alle nuove tecnologie messe a disposizione dalla medicina moderna, prevenire le malattie a carico dell’occhio e prendersi cura della sua salute è notevolmente più facile rispetto al passato. Con il supporto dei mezzi attualmente messi a disposizione dalla ricerca oculistica, tenere sotto controllo i disturbi della vista ed in molti casi prevenirli non è un lavoro gravoso come si potrebbe erroneamente pensare.

Vista, il 61% degli italiani la trascura

Il 61% degli italiani, pari a circa 37 milioni di persone, trascura la propria vista. A rivelarlo, è un’indagine internazionale condotta di recente dall’istituto di ricerche YouGov, con il contributo del Gruppo Carl Zeiss, leader mondiale nel settore ottico e optoelettronico, in occasione del suo centesimo anniversario “100 anni di lenti di precisione ZEISS: 100 anni di miglior visione”.

Cervello, intuisce e “vede” il movimento ancor prima della vista

Il cervello umano vede ancor prima degli occhi? Potrà sembrare forte come concetto, ma è quello che ha illustrato uno studio condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università di Pisa, appena pubblicato sulla rivista di settore scientifica Neuroimage. Si tratta di una conferma che viene a suffragare ciò che fino ad ora si era solo ipotizzato: ovvero che l’area cerebrale associata alla vista ottiene informazioni anche dal talamo.

Degenerazione maculare, un aiuto dall’uva

L‘uva può essere una valida alleata nella prevenzione di alcune malattie che interessano l’occhio, come la degenerazione maculare, responsabile di un progressivo degrado della macula, cioè la zona centrale della retina, e che a lungo andare può portare anche alla cecità, soprattutto nelle persone anziane. Tuttavia, sembra esserci una speranza, ancora una volta dagli antiossidanti delle frutta.

Ipermetropia

Ipermetropia

L’ipermetropia è una maggiore difficoltà a vedere sia gli oggetti vicini che gli oggetti lontani.

CAUSE: L’ipermetropia è il risultato dell’immagine visiva che viene messa a fuoco dietro la retina e non direttamente su di essa. Può essere causata da un bulbo oculare troppo piccolo o dalla capacità di messa a fuoco troppo debole.

Scoperto un legame tra vista e udito

Sembra che, esista un legame molto profondo tra vista e udito, che si attiverebbe anche attraverso quello che vediamo. A sostenerlo, è uno studio pubblicato recentemente su “Scientific Reports”, condotta dal gruppo di ricerca di Alice Mado Proverbio docente di Psicobiologia dell’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con Alberto Zani dell’Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano.

Vista, ad ottobre visite gratis

Ottobre è il mese della vista e della prevenzione delle malattie degli occhi. Anche quest’anno, infatti, migliaia di optometristi offrono in tutta Italia la possibilità di sottoporsi ad una visita gratuita.