Home » Endocrinologia » Glicemia alta, effetto collaterale di Neuro-pro?

Glicemia alta, effetto collaterale di Neuro-pro?

Richiesta di Consulto Medico

Tipo di problema: glicemia alta in concomitanza dell’uso del cerotto neuro-pro 6mg

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche

“Salve Dottore, ho un dubbio, mia madre soffre di diabete, da un mese circa le hanno prescritto il cerotto Neuro-pro da 6mg, ma da allora il livello di glicemia è alto. è possibile che possa essere il cerotto a far alzare i livelli di glicemia? inoltre sta assumendo granuli di arnica da 30ch ( potrebbero essere questi? ) per il diabete assume Diamicron e Metforal. Grazie per la risposta.”

 

 

La risposta è del dottor Mario Francesco Iasevoli specialista in endocrinologia e malattie del metabolismo, Unità Operativa Complessa Endocrinologia-Azienda Ospedaliera Universitaria II Policlinico-Sun di Napoli:

“Salve, entrambe le sostanze indicate non determinano aumenti della glicemia, ma di per se se prende arnica magari ha avuto un trauma e la glicemia aumenta per condizioni di stress quali traumi infezioni febbre interventi chirugici insonnia ecc. Sono molte le variabili soprattutto in un paziente complesso come sua madre (parkinsoniana e anche altro). Valuti con il suo diabetologo la correttezza della terapia ed eventuali modifiche, Buona serata [email protected] cell. 3458092414″.

Leggi anche:

Glicemia alta: valori, sintomi, rischi e cosa mangiare

Diabete: 6 Alimenti che mantengono la glicemia bassa (FOTO )

La glicemia alta fa male anche quando non è diabete

Glicemia alta, i sintomi da non trascurare e la dieta

 

Per altre domande al dottor Mario Francesco Iasevoli o ad altri specialisti potete consultare la lista e riempire il modulo al seguente link:  “Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento