Apnea del sonno, combatterla con le calze a compressione

di Redazione 2

Indossare calze a compressione può essere una semplice strategia per migliorare l’apnea ostruttiva del sonno nei pazienti con insufficienza venosa cronica, secondo uno studio italo-francese. L’insufficienza si verifica quando le vene di un paziente non riescono a pompare abbastanza sangue fino al cuore, e si verifica più spesso nelle vene delle gambe.

Abbiamo scoperto che nei pazienti con insufficienza venosa cronica, le calze a compressione riducono l’accumulo di liquidi nelle gambe durante il giorno, che a sua volta riduce la quantità di liquido che scorre nel collo di notte, riducendo così il numero di apnee e ipopnea di più di un terzo

ha dichiarato Stefania Redolfi dell’Università degli Studi di Brescia, che ha guidato la ricerca. Le macchine a pressione positiva continua delle vie aeree, conosciute come CPAP, sono una delle opzioni di trattamento attualmente raccomandate per le persone che soffrono di apnea ostruttiva del sonno. Tuttavia, molti trovano che una maschera indossata per tutta la notte provochi disagio, spesso così se ne fa a meno con conseguenze negative, a volte gravi, sulla salute. Trovare un mezzo più efficace per curare la malattia, quindi, è una priorità assoluta.

Redolfi e colleghi hanno cercato di determinare se un intervento semplice come indossare calze a compressione potrebbe essere efficace in alcuni pazienti. Nelle persone attive, l’accumulo di liquidi nelle gambe è contrastato da contrazioni muscolari della gamba che “spremono” le vene. Tuttavia stare seduti per un tempo prolungato può impedire questo processo, e il liquido accumulato nelle gambe si sposta poi rostralmente durante la notte. Questo cambiamento si traduce in accumulo di liquidi nei tessuti del collo e si pensa possa aumentare gli eventi di apnea aumentando il volume del tessuto, che porta al collasso ripetitivo della faringe durante la respirazione notturna. Nei soggetti con insufficienza cardiaca o ipertensione, l’ammontare di questo spostamento durante la notte è fortemente correlata al grado di aumento della circonferenza del collo e il numero di apnee e di ipopnea per ora di sonno.

Abbiamo ipotizzato che l’accumulo di liquidi che si verifica nelle gambe delle persone affette da insufficienza venosa cronica si ridurrebbe indossando calze a compressione, e che la riduzione del liquido ridurrebbe anche il passaggio di questo fluido al collo durante la notte. C’è una forte evidenza che collega questo cambiamento del fluido rostrale durante la notte all’apnea. Se noi potessimo ridurlo, dovremmo aspettarci che eventi di apnea potrebbero parimenti essere ridotti

continua la dottoressa Redolfi. Per confermare la loro tesi, i ricercatori hanno reclutato volontari dalla clinica specializzata in insufficienza venosa cronica dell’ospedale La Pitié-Salpêtrière di Parigi. Dodici pazienti sono stati randomizzati una settimana indossando calze a compressione e un’altra settimana senza calze. Ogni soggetto è stato sottoposto a controlli di polisonnografia e controllo della circonferenza del collo e volume della gamba.

Al termine del periodo con le calze a compressione, i soggetti avevano una media di riduzione del 62% durante la notte del volume del liquido nella gamba rispetto a quando non indossavano le calze. I pazienti presentavano anche una riduzione del 60% nell’aumento della circonferenza del collo, che i ricercatori hanno usato come misura per stimare lo spostamento dei fluidi nel collo, e una riduzione del 36% del numero di apnee e di ipopnea per ora di sonno.

Ulteriori ricerche sono necessarie per valutare il grado di successo di questi esperimenti sul lungo termine e su un numero più ampio di pazienti, ma in ogni caso è un passo in avanti verso la soluzione di un problema che affligge milioni di persone in tutto il mondo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.

Apnea del sonno legata a disfunzione erettile
I pericoli della Sindrome dell’apnea ostruttiva nel sonno
La sindrome delle apnee ostruttive

[Fonte: Health24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>