Erezione debole e flusso urina lento, andrologo risponde

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
Salve circa 2 mesi fa ho fatto una visita specialistica per il problema sopra citato (erezione debole e flusso di urina lento ndr), la risposta è stata la seguente: Amnesi-iniziale sintomatologia sisurica tipo ostruttivo PSA 1,01 E:R- Prostata appena aumentata di volume consist. nei limiti non noduli eco prostatica transrettale -non segni di uropatia sottogiuntale bilateralmente .Vescica mediamente repleta regolare per forma. endorettale-biometria prostatica 50x30x42 con modesta ipertrofia centrale(adenoma 8 grammi). Calcificazioni periuretrali e lobari.vescicole seminali nei limiti. Consiglio; pradif 0,4mg e permixon . Dopo circa 2 mesi il problema non si è risolto per quale motivo? Sarei grato di un consiglio, età 47 anni. Grazie”.

Specializzazione Andrologia
Tipo di Problema erezione debole e urino lentamente

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per contatti diretti Email: [email protected] cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81.

“Salve, i sintomi e l’aspetto ecografico della prostata mi fanno sospettare che lei abbia una condizione irritativa dovuta a prostatite cronica abatterica; i farmaci che le hanno dato sono solo sintomatici e non curano la causa cioè l’infiammazione. Dovrebbe iniziare un ciclo con supposte a base di cortisone da ripetersi mensilmente, assunzione di fermenti lattici e di vitamina E. Contatti un altro specialista e trovi la cura adatta, dopo aver confermato la diagnosi. Cordiali saluti”.

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Mario Francesco Iasevoli

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>