Migliaia di malati chiedono aiuto al Governo per avere i propri diritti

di Redazione 1

Sul dizionario della lingua italiana al lemma “Malattia rara” corrisponde la definizione: “malattia che colpisce non più di una persona ogni 2000 abitanti”. Eppure non si capisce come mai in Italia persistano delle malattie che rientrano in questa definizione, o altre che vanno anche oltre, arrivando a superare la soglia di uno su 2000, ma continuano a non essere riconosciute come patologie rare dallo Stato italiano.

Nella scorsa legislatura l’ex Ministro della Salute Livia Turco aveva attuato il processo di riconoscimento per 109 malattie rare, ma caduto il Governo, tutto si è bloccato. L’attuale Ministro responsabile, Sacconi, preferisce accanirsi sul caso Englaro piuttosto che concedere i diritti a centinaia di migliaia di malati che attendono da decenni che questi vengano riconosciuti.

Lo scandalo è che, a causa della solita scusa di mancanza di fondi, migliaia di persone sono rimaste a bocca asciutta, e sono costrette a pagare di tasca propria delle cure onerosissime non per vivere meglio, ma semplicemente per sopravvivere. Ironia della sorte, la maggior parte di queste patologie nel resto d’Europa sono riconosciute, mentre l’Italia rimane come al solito all’ultimo posto nell’attenzione ai più sfortunati.

Le malattie rare che si possono individuare al momento sono migliaia, ma attualmente ce ne sono 109 che, arrivate ad un passo dal traguardo, si sono viste bloccare dalla burocrazia, con conseguente disagio per centinaia di malati. Gente sfortunata che non è nemmeno così poca. Un’esempio è quello della sclerodermia, una malattia che causa indurimento della pelle che può espandersi agli organi interni come cuore e polmoni. Si stima che i malati in Italia siano circa 25-30 mila, e ciò fa capire che non si tratta di una malattia così rara. Le stime sulle 109 patologie parlano di 30 milioni di malati in tutta Europa, ed è uno scandalo che queste persone, almeno in Italia, non possano ricevere l’assistenza sanitaria che hanno tutti gli altri malati.

Dopo aver ricevuto la promessa dal Ministro Sacconi che sarebbero stati presi provvedimenti alla fine del 2008, adesso questi malati sono ancora in attesa che qualcosa sia concluso, e la speranza è che nella Conferenza Stato-Regioni di questi giorni si prendano finalmente i provvedimenti necessari. La vita non è una cosa da mettere in attesa di trovare i finanziamenti.

[Fonte: Repubblica]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>