Colesterolo collegato al rischio di cancro

di Redazione 0

Alti livelli di colesterolo totale possono essere collegati ad un aumentato rischio di alcuni tumori, ma un minor rischio di altri, secondo un nuovo studio coreano.

Non abbiamo una chiara comprensione di come il colesterolo possa direttamente influenzare il rischio di cancro

ha ammesso il dottor Cari Kitahara del US National Cancer Institute. Il dr Kitahara è l’autore principale di una relazione sullo studio, ed ha aggiunto che il colesterolo potrebbe non rientrare tra i fattori di rischio conosciuti, e per questo essere sottovalutato dalla popolazione che potrebbe facilmente ammalarsi di cancro anche per questo motivo.

Precedenti studi più piccoli hanno dato risposte divergenti sulla questione. Lo studio, pubblicato sul Journal of Clinical Oncology, ha incluso circa 1,2 milioni di coreani, uomini e donne, sottoposti ad esami standard sul colesterolo a digiuno. All’inizio dello studio, l’età media degli uomini era di 45 anni e il loro livello medio di colesterolo totale era di 191 mg/dL. L’età media delle donne era 49 anni e il loro livello di colesterolo medio era di 194 mg/dL.

Dopo quasi 13 anni, circa il 7% dei partecipanti ha sviluppato una qualche forma di cancro, più comunemente tumore allo stomaco (circa il 2%), seguito dal carcinoma polmonare e carcinoma del fegato (meno dell’1% ciascuno). Quando i ricercatori hanno analizzato tutti coloro i quali avevano sviluppato il cancro, indipendentemente dal tipo, hanno trovato che le persone con un alto livello di colesterolo totale avevano più probabilità di contrarre la malattia.

Il rischio in più non era molto grande, ma significativo. Negli uomini lo 0,8% in più (7,9% per quelli con il colesterolo alto rispetto al 7,1% di quelli con colesterolo basso); nelle donne l’1,2% in più (6,3% contro 5,1%). Scendendo nei dettagli, i ricercatori hanno anche notato che il rapporto tra colesterolo e rischio di tumore varia da organo ad organo. Ad esempio, rispetto agli uomini con livelli di colesterolo totale inferiore a 160 mg/dL, gli uomini con alti livelli avevano una maggiore probabilità di sviluppare cancro alla prostata e al colon, ma meno probabilità di ammalarsi di cancro dello stomaco, fegato o polmoni. Nelle donne invece il cancro al seno era più probabile, mentre c’erano meno probabilità di ammalarsi di cancro al fegato.

Nel complesso, si abbassa il rischio di contrarre il cancro tra il 9% ed il 16%, concludono i ricercatori, i quali si sono spiegati quest’effetto in quanto il colesterolo è coinvolto nella produzione degli ormoni, e così dei livelli fuori norma potrebbero aumentare il rischio di malfunzionamenti del corpo che porta a diversi tipi di cancro.

Un’altra possibile spiegazione è che le persone con colesterolo elevato hanno maggiori probabilità di prendere statine, e questi farmaci possono aumentare o diminuire il rischio di alcuni tumori. Sicuramente saranno necessari altri studi per confermare o confutare questi risultati.

Noci contro il colesterolo
Cioccolato: prevenzione dalla carie e dal colesterolo
Colesterolo, come tenerlo a bada

[Fonte: Health24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>