Nasce polo oncoematologico nel Lazio

di Valentina Cervelli 0

E’ stato presentato nelle ultime ore il Polo Oncoematologico nel Lazio, un centro immediatamente utilizzabile dai pazienti affetti da tumori del sangue. La struttura, attivata all’interno dell’ospedale San Giovanni- Addolorata, promette di dare tutta l’assistenza necessaria a tutti coloro che soffrono di queste malattie.

Parliamo di un centro specializzato in radioterapia, oncologia medica ed ematologia che non solo rende possibile visite specialistiche ad alto livello ma mette a disposizione dei posti letto importanti per approcciare la cura di diversi tipi di leucemia ed altri tumori del sangue. Quel che si è tentato di fare con il Polo Oncoematologico, spiegano i responsabili, è quello di dare alle persone un ambiente senza dubbio all’avanguardia dal punto di vista medico, ma che sappia anche gestire in modo adeguato l’aspetto psicologico dell’essere un malato oncoematologico: gli stessi spazi sono stati creati con questo intento.

Personale altamente qualificato è stato assunto al fine di garantire la migliore assistenza possibile ed una collaborazione con medici militari specializzati è stata attivata. Il punto della creazione di un Polo Oncoematologico è quello di poter rispondere in modo adeguato alla necessità di approccio di malattie come la leucemia che necessitano di essere curate in un ambiente protetto, ma che possa contare contestualmente su dei macchinari avanzati e su del personale che sappia gestire infusioni di staminali e trapianti di midollo osseo con dimestichezza e senza problemi.

La Regione Lazio è da tempo focalizzata sull’obiettivo di migliorare l’assistenza sanitaria pubblica ed ottimizzare quella che è la situazione attuale della stessa. L’aver dato spazio ad un centro del genere può davvero rappresentare un passo importante in tal senso, soprattutto tenendo conto della domanda purtroppo elevata di questa particolare tipologia di posti letto nelle strutture. Cure all’avanguardia più disponibili possono diventare sinonimo di un numero maggiore di guarigioni tra la popolazione malata.

Photo Credits | VILevi / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>