Home » MEDICINA TRADIZIONALE » Oncologia » Tumore cerebrale DNT, quali terapie?

Tumore cerebrale DNT, quali terapie?

Richiesta di Consulto Medico

Tipo di problema: tumore cerebrale DNT

Specializzazione: oncologia

 


“Buonasera Professore mi chiamo Manuela e sono una Mamma disperata, mia figlia Valentina di soli 17 anni, è stata sottoposta ad intervento di asportazione di neoplasia al talamo sinistro mediante approccio trans calloso, purtroppo a causa della dislocazione del tumore DNT ( ndr.tumore disembrioplastico neuroepiteliale) non è stato possibile asportarlo del tutto per non causare danni neurologici. Attualmente non segue alcuna terapia, solo controllo RMN credo proprio a causa della sua dislocazione. Vorrei semplicemente sentire il suo parere su questo DNT ed eventuali terapie anche innovative praticabili, senza effetti secondari o ridotti e sul futuro di VALENTINA. GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE Saluti.”

 

La risposta è affidata al dottor Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica presso la Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology).

“Gentile Signora, si tratta di una condizione da valutare con attenzione visionando documentazione clinica completa (incluse immagini radiologiche). Il tutto al fine di verificare se e come è opportuno procedere ulteriormente. Se nella sua volontà, è possibile fissare un appuntamento con me mediante i riferimenti reperibili sul sito web www.ipertermiaitalia.it . Cari saluti Carlo Pastore, oncologo”.

Altri post correlati:

Tumore cerebrale ed epilessia: nasce un sito web

Tumore al cervello

Bimba non può smettere di ridere: la causa un tumore al cervello

Per altre domande potete consultare la nostra pagina: “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive“.

E’ necessario sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento