Home » MEDICINA TRADIZIONALE » Oncologia » Tumore glioneurale: risponde l’oncologo

Tumore glioneurale: risponde l’oncologo

La diagnosi di un tumore è sempre un’esperienza sconvolgente, anche se questo viene definito, benigno. Un caso particolare è quello che ci pone all’attenzione un lettore nella nostra rubrica “Chiedi all’esperto: consulti online su Medicinalive”: si tratta del tumore glioneurale. Di seguito il quesito e la risposta del nostro specialista oncologo dottor Carlo Pastore.

Descrizione dettagliata del problema:

“Gent. Prof. nel giugno 1997, a seguito di crisi epilettica con perdita di coscienza, mi è stato diagnosticato un meningioma parasagittale frontale sx, di dimensione 1,5 cm.

Si è rilevata nel corso degli anni una lieve crescita dello stesso. Da RMN eseguita nel mese di ottobre 2009 le dimensioni dello stesso erano di 3,2 cm. Nessuna variazione fino alla risonanza effettuata l’ 1.8.2012. Nell’ultima risonanza effettuata in data 21.3.2013 risultava quanto segue:

“Controllo precedente dell’1.8.2012. nell’attuale esame si nota incremento dell’edema perilesionale ed un modesto aumento degli effetti compressivi sul ventricolo laterale di sinistra, La lesione frontale parasagittale sinistra non evidenzia altresì sostanziale variazione del suo aspetto, segnale ecomportamento dopo contrasto. Si consiglia valutazione neurochirurgica.

Dopo visita effettuata in data 29 marzo, il mio neurochirurgo mi ha consigliato l’immediato ricovero per asportazione del meningioma in quanto ha valutato che l’edema, allo stato, avrebbe potuto provocare improvvise crisi epilettiche. Venerdì 5 aprile ho subito l’asportazione del meningioma tramite craniotomia frontale. A distanza di due mesi dall’operazione ho avuto il risultato dell’esame istologico, rilasciato dall’Unità Operativa Anatomia Patologica di Cosenza e confermata da quella dell’Università degli Studi di Brescia a cui Cosenza ha inviato i vetrini per esami più approfonditi, che risulta essere il seguente:

 Tumore glioneurale (Vedi nota 1)

Nota 1: L’aspetto radiologico (RMN allegate) e le caratteristiche morfologiche ed immunofenotipiche favoriscono la diagnosi di Tumore Papillare Glioneurale (PGN T). La neoplasia è rara e classificata come tumore di basso grado nella classificazione WHO 2007 (grado WHO I).

Il mio neurochirurgo mi ha relativamente tranquillizzato dicendomi che è una forma di tumore benigno, asportato radicalmente, che non dovrebbe darmi in futuro eccessivi problemi. Non mi ha dato certezze in quanto, anche se di basso grado, trattasi di tumore raro del quale ancora non si conosce l’evoluzione nel tempo. Ovviamente è da tenere periodicamente sotto controllo. Mi sarebbe utile un suo eminente parere in merito.

Cordialmente”

 

Seleziona la specializzazione: Oncologia

Tipo di Problema: Tumore Glioneurale

Risponde il dottor Carlo Pastore oncologo e chemioterapista:

 “Gentile signore, concordo con la disamina del Collega neurochirurgo. Di fatto si tratta di forme in genere confinate ad invasività locoregionale. Una buona, e non dubito che lo sia, asportazione chirurgica è ottimo viatico per il futuro. Mi raccomando di concordare con il Collega neurochirurgo controlli seriati nel tempo di follow-up.”

Come sempre vi ricordiamo che se volete porre un quesito ai nostri specialisti, basta riempire il form al link che segue:

Chiedi all’esperto: consulti online su Medicinalive

I consulti in questione sono a scopo esclusivamente informativo,  ed in  nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Per contatti diretti con il dottor Pastore visitate il sito www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

 

Lascia un commento