Home » MEDICINA TRADIZIONALE » Ortopedia » Stiramento muscolare bicipite femorale e tempi di recupero

Stiramento muscolare bicipite femorale e tempi di recupero

Richiesta di Consulto Medico
Gentile Dr. ho 43 anni e gioco a livello agonistico a Badminton. Il 29 marzo scorso, durante una gara, ho accusato per la prima volta lo stiramento muscolare del bicipite femorale dx. La cura è stata subito ghiaccio per 5 giorni, antinfiammatori per due giorni, pomata Hirudoid per 5 giorni e cosciale della linea Dr Gibaud sport per tre settimane. Adesso vorrei riprendere a giocare anche se il muscolo me lo sento ancora un pò tirare come quando faccio strechting. Che consiglio mi dà? Grazie per la risposta e buon lavoro.

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema stiramento muscolare bicipite femorale e tempi di recupero

 

Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport
, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica:

Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

Egr.Sig. Gennaro,spero che abbia fatto un controllo ecografico…altrimenti dovrebbe farlo e solo dopo deve iniziare un graduale allenamento inizialmente per 7/10 gg con il cosciale.Saluti F.Bizzarri

>> Leggi tutte le risposte del Dottor Francesco Bizzarri

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

Strappo muscolare

Dolore per contrattura deltoide, quale terapia?

Crampi muscolari, notturni, ai piedi, al polpaccio: cause e rimedi

Sindrome del piriforme: esercizi di stretching (FOTO e VIDEO)

Disfunzione del nervo femorale

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive” e riempite il form per l’invio.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento