Home » MEDICINA TRADIZIONALE » Ricerca e Sperimentazione » I belli si ammalano di meno?

I belli si ammalano di meno?

I belli si ammalano di meno? Stentiamo a crederci ma statisticamente è quello che emerge da uno studio pubblicato sulla rivista di settore Evolution and Human Behaviour che ipotizza che in qualche modo la bellezza possa essere una sorta di marker genetico di buona salute.

A quanto pare quindi la natura, oltre che essere stata generosa dal punto di vista della bellezza stessa avrebbe dato qualcosa in più anche al sistema immunitario delle persone di bell’aspetto. Gli scienziati dell’Università di Cincinnati sono giunti a queste conclusioni studiando di dati di 15mila persone circa di età compresa tra i 24 ed i 35 anni. La bellezza è in qualche modo sintomo di salute. O per meglio spiegare da un punto di vista scientifico, a tale stato estetico corrisponderebbe un DNA più sano. Nel corso della ricerca è emerso che le persone più attraenti avevano meno possibilità di soffrire di colesterolo alto, pressione alta, depressione, asma, acufene e diabete. Più in generale poi i parametri vitali sono migliori, hanno bisogno di meno ricoveri nel corso della loro vita e si ammalano generalmente di meno.

In questo caso, inutile dirlo, si apre un vero e proprio dibattito su cosa si deve intendere per bellezza. “Non è bello quel che è bello ma è bello quel che piace”, recita un detto. A tal proposito, e questo è uno degli elementi più divertenti dell’intera ricerca, gli scienziati statunitensi hanno fatto decidere della bellezza del loro campione di studio da una “giuria indipendente” che ha valutato l’avvenenza delle persone in modo autonomo.

Ad ogni “punto” di bellezza in più gli uomini è stato rilevato un rischio minore del 13% di avere il colesterolo alto, del 20% di avere la pressione alta e del 15% di incorrere in una depressione. Gli stessi effetti sono stati riscontrati nel gruppo femminile: il 21% in meno di rischio di avere la pressione alta, il 12% in meno di soffrire ed il 22% in meno di avere il diabete.

Ci viene normale chiederci: e le bellezze rifatte? In quale punto di queste ipotetiche scale si collocano?

Fonte | EHB

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento