Malattia di Morquio, parte nuova sperimentazione BioMarin

di Redazione 1

Di nuovi e più efficaci trattamenti per le malattie rare si sta occupando la casa farmaceutica BioMarin che, dopo aver lanciato la sperimentazione per la malattia di Pompe, fa partire i trial, giunti già alla terza fase, per la malattia di Morquio, la mucopolisaccaridosi di tipo 4 A (MPS IVA).

Si tratta di una malattia da accumulo lisosomiale, dunque di tipo metabolico, diffusa in due tipologie, la A, la più comune, e la B, più rara. Provoca nei piccoli pazienti deformità scheletriche aggravate dalla crescita, problemi respiratori, disturbi cardiaci e sordità, sintomi, questi, tutti più o meno gravi a seconda dei singoli casi. A provocare l’insorgenza della patologia delle mutazioni genetiche che ostacolano la produzione

di uno dei due enzimi necessari per la degradazione del cheratan solfato (KS): la N-acetilgalattosammina-6-solfato solfatasi, implicata nella MPS IVA e la beta-D-galattosidasi nella MPS IVB.

Al centro delle speranze di guarigione per un campione di 160 bambini arruolati in tutto il mondo, una molecola, la N-acetilgalattosammina 6-solfatasi (GALNS o BMN 110).
L’Italia parteciperà ai trial con il San Gerardo di Monza. Per l’esattezza sarà Rossella Parini, responsabile del centro per le malattie metaboliche, a coordinare il progetto, arruolando 20-25 bambini di età superiore ai 5 anni. La terza fase scatterà dopo il via libera del comitato etico.

Jean-Jacques Bienaime, Chief Executive Officer di BioMarin, spiega che quella che sta per partire è la più grande sperimentazione di terapia sostitutiva mai condotta:

Attualmente non ci sono opzioni terapeutiche per i pazienti con MPS IVA che hanno molte necessità mediche insoddisfatte.

Per conoscere i criteri di accesso al trial e i dettagli sulla sperimentazione che sta per partire, potete visitare la sezione dedicata sul sito del National Institute of Health.

Articoli correlati:

Malattie rare, bisogna curare anche i sintomi ormonali

Malattie rare, un appello da firmare

Niente bonus primo figlio, solo per le malattie rare

Commenti (1)

  1. Sono molto vicina ad una bimba affetta da questo tipo di malattia, vi assicuro che per me è stata un immensa gioia sapere di questa terapia.Oggi la condivido con tutti voi amici che non vi conosco personalmente perchè riesco a comunicarlo più liberamente.Vi chiedo solo un piccolo favore di inserire nelle vostre preghiere anche il mio angelo vivente, e se volete tutti i bambini del mondo che soffrono e lottano per la vita.Un Grazie di cuore a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>