Home » MEDICINA TRADIZIONALE » Ricerca e Sperimentazione » Terapia a base di sms contro il dolore?

Terapia a base di sms contro il dolore?

Terapia a base di sms per provare meno dolore mentre si è sottoposti ad anestesia locale nel corso di piccoli interventi chirurgici. E’ questo ciò che suggerisce uno studio condotto dalla Cornell University e pubblicati sulla rivista Pain Medicine.

Secondo gli scienziati eseguire questa azione darebbe modo di abbattere l’utilizzo di farmaci anestetici dell’80% rispetto alla media. Si tratta di una metodologia basata tutta sulla comunicazione. Per giungere alle loro conclusioni i ricercatori hanno preso in considerazione un campione di 98 pazienti divisi in quattro gruppi differenti. Al primo è stato dato il cellulare ed è stato chiesto ai volontari di giocare al videogioco “Angry Birds”, al secondo è stato indicato di inviare sms ad amici o famigliari, ad un altro gruppo di volontari ancora è stato chiesto di messaggiare con uno degli scienziati mentre all’ultimo gruppo non è stato dato nessun dispositivo.

Cosa è accaduto quindi: il gruppo di pazienti che nel corso dell’operazione non ha avuto modo di utilizzare dispositivi di nessun genere per comunicare ha mostrato di avere sei volte di più la possibilità di aver bisogno di antidolorifici rispetto a chi messaggiava. Chi al contrario aveva avuto modo di poter giocare nel corso dell’operazione ha mostrato una probabilità quattro volte maggiore di aver necessità di analgescici.

E’ proprio l’atto stesso della comunicazione a funzionare come una sorta di antidolorifico aggiuntivo nei confronti dell’anestesia locale alla quale si viene sottoposti. E la cosa più interessante, da questo punto di vista, è che messaggiare con estranei sembra funzionare di più rispetto a quello fatto con degli amici. Gli scienziati hanno ora un nuovo obiettivo: quello di capire quale tipologia di comunicazione possegga una maggiore efficacia, in modo tale da mettere eventualmente a punto una sorta di “terapia a base di sms” da “somministrare” al paziente secondo le esigenze per evitare di causare, seppure involontariamente, una dipendenza da farmaci.

Photo Credits | gosphotodesign / Shutterstock.com

Lascia un commento