Virus Zika, la FDA contro i contagi

di Valentina Cervelli 0

Anche la FDA statunitense approccia ufficialmente i contagi dell’epidemia di virus Zika in atto, o meglio, al pari delle altre autorità sanitarie mondiali ha reso note delle linee guida da seguire per evitare che le persone possano rimanere vittime dei contagi. Scopriamo insieme i suoi consigli.

Il primo punto preso in considerazione dalla FDA è quello relativo alla donazione del sangue. Quella del blocco delle trasfusioni provenienti dall’estero o da persone che hanno risieduto nelle zone colpite è una proposta che diverse autorità sanitarie nel mondo hanno lanciato: è troppo alto il rischio di contagio in tal modo. E non si può rischiare, per quanto la patologia causata dal virus Zika sia molto simile nelle manifestazioni ad un’influenza, che pazienti immunodepressi possano entrare in contatto con del materiale ematico contaminato.

Diversi studi sono al momento in atto sull’agente patogeno e sulla possibile correlazione con i casi di microcefalia presentatisi in particolare in Brasile: le prime risposte utili saranno disponibili fra sei mesi. Nel frattempo la FDA sostiene che necessaria attenzione deve essere fatta anche per ciò che riguarda i rapporti sessuali. La trasmissione attraverso l’intimità ancora non è stata provata con certezza ma uno studio condotto in Inghilterra ha mostrato come il virus Zika permanga nello sperma per circa 2 mesi.  Ecco quindi che l’autorità statunitense suggerisce anche l’uso del preservativo nelle situazioni a rischio. Questo anticoncezionale è l’unico in grado di evitare il contatto del liquido seminale con l’organismo della donna e quindi un potenziale contagio.

Entrambi i punti precedentemente affrontati portano ai tempi di “quarantena” delle persone venute a contatto con il virus. Il sangue per coloro che hanno avuto rapporti sessuali con individui il cui virus Zika è stato rilevato nel sangue dovranno astenersi dalla donazione per almeno 4 settimane, e potranno donare per le trasfusioni solo in caso il test relativo all’infezione risulti negativo.

Ti potrebbero interessare:

Virus Zika, allarme microcefalia in Brasile

6 cose da sapere sul virus Zika

Virus Zika confermato primo caso in Italia

Photo Credits | igor.stevanovic / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>