Cipolla e salute: pro e contro

di Redazione 0

La cipolla è stata utilizzata come ingrediente di vari piatti per migliaia di anni da molte culture in tutto il mondo. La produzione mondiale di cipolla è in costante aumento tanto che è ormai la seconda ortocoltura dopo il pomodoro.

Ci sono molte varietà di cipolla, bianca, rossa, ciascuna con le proprie caratteristiche, da molto forte a dolcissima. Le cipolle possono essere consumate crude, cotte, fritte, secche o arrosto. Le cipolle hanno una varietà di effetti medicinali. I primi coloni americani hanno usato le cipolle selvatiche per curare raffreddori, tosse e asma, e per respingere gli insetti. Nella medicina cinese, le cipolle sono state utilizzati per trattare la tosse, le infezioni batteriche, e i problemi respiratori.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), supporta l’utilizzo di cipolle per prevenire l’aterosclerosi. In aggiunta, gli estratti di cipolla sono riconosciuti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel trattamento della tosse e del raffreddore, dell’asma e della bronchite. Le cipolle, infatti, sono note per la loro capacità di diminuire gli spasmi bronchiali. Inoltre, un estratto di cipolla è stato accertato diminuisca l’allergia indotta da costrizione bronchiale nei pazienti asmatici.

Le cipolle sono una fonte molto ricca di frutto-oligosaccaridi. Questi oligomeri stimolano la crescita di bifidobatteri sani e sopprimono la crescita di batteri potenzialmente dannosi nel colon. In aggiunta, possono ridurre il rischio di sviluppare tumori al colon. Ma contengono anche una serie di solfuri simili a quelli trovati nell’aglio che possono abbassare il livello di lipidi nel sangue e la pressione sanguigna. In India, le comunità che non hanno mai consumato cipolle o aglio avevano livelli di colesterolo nel sangue e livelli di trigliceridi sensibilmente più elevati, e tempi di coagulazione del sangue più brevi, rispetto alle comunità che mangiavano molto aglio e molte cipolle. Le cipolle sono una ricca fonte di flavonoidi, sostanze conosciute per fornire protezione contro le malattie cardiovascolari.

Gli estratti di cipolla, ricchi di una varietà di solfuri, offrono una certa protezione contro la crescita tumorale. Nel centro della Georgia, dove è diffusa la coltura delle cipolle Vidalia , i tassi di mortalità da cancro dello stomaco sono circa la metà del livello medio per gli Stati Uniti. Studi in Grecia hanno dimostrato che un elevato consumo di cipolle e aglio ha un effetto protettivo contro il cancro allo stomaco. Le cipolle meno dolci, quelle con un sapore più pungente (che sono anche quelle meno scelte dal consumatore), in realtà sono quelle che hanno più proprietà salutari. Tra i contro, consumare grandi quantità di cipolle può portare a irritazione gastrointestinale, disturbi allo stomaco, nausea e diarrea. Non sono note interazioni con farmaci, tranne che possano potenziare l’azione degli anticoagulanti.

[Fonte: vegetarian nutrition]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>