Diabete di tipo 2, rischio abbattuto con la dieta mediterranea

di Redazione 2

Gli anziani che si attengono ad una dieta mediterranea tradizionale ricca di grassi di origine vegetale, possono abbassare il rischio di contrarre il diabete di tipo 2, anche senza contare le calorie o controllare il proprio peso, suggerisce una ricerca americana.

In uno studio su 418 anziani spagnoli, i ricercatori hanno scoperto che quelli istruiti a seguire una dieta mediterranea avevano meno probabilità di sviluppare il diabete nel corso dei quattro anni successivi rispetto a quelli che seguivano una dieta povera di grassi. Circa il 10% di loro ha sviluppato la malattia, contro il 18% nel gruppo a basso contenuto di grassi. La perdita di peso non sembra necessaria per ottenere tale vantaggio.

I risultati, riportati sulla rivista Diabetes Care, possono sembrare troppo belli per essere veri. Precedenti lavori degli stessi ricercatori dimostrarono che la dieta mediterranea, anche senza la perdita di peso, poteva diminuire il rischio di sindrome metabolica, un insieme di fattori di rischio per il diabete che includono l’obesità addominale, pressione alta e glicemia e trigliceridi elevati.

Tuttavia, anche se il modello alimentare porta dei benefici, in assenza di perdita di peso, nessuno nega l’importanza di un regolare esercizio fisico o del controllo delle calorie ha spiegato un portavoce della American Dietetic Association.

La dieta mediterranea tradizionale è generalmente ricca di verdure, cereali ricchi di fibre, legumi, pesce e fonti vegetali a base di oli non saturi grassi, in particolare di oliva e frutta a guscio, pur essendo a basso contenuto di carne rossa e latticini ad alta percentuale di grassi, prime fonti di grassi saturi. Tutte queste caratteristiche sono scelte salutari ha spiegato la dietologa Costance Brown-Riggs.

Per lo studio, i ricercatori guidati dal dottor Jordi Salas-Salvado dell’Università di Rovira i Virgili di Reus, Spagna, hanno seguito 418 adulti senza diabete di età compresa tra 55 e 80 anni. Ognuno ha avuto almeno tre fattori di rischio per le malattie cardiache, come la pressione arteriosa elevata, fumo o l’eccesso di peso. All’inizio, agli uomini e alle donne sono state assegnate tre diete a caso: la dieta mediterranea tradizionale basata su un incremento del consumo di olio d’oliva, una ricca fonte di grassi monoinsaturi; la stessa dieta, con un focus sui grassi polinsaturi; e una dieta a basso contenuto di grassi che ha incoraggiato a tagliare su tutti i tipi di grasso.

A nessuno dei gruppi è stato detto di limitare le calorie o fare ulteriore esercizio fisico. Nei successivi quattro anni i ricercatori hanno notato che il 10-11% dei partecipanti dei due gruppi “Mediterranei” avevano sviluppato il diabete. L’altro gruppo l’aveva sviluppato al 18%.

Quando i ricercatori hanno considerato un certo numero di altri fattori come il peso dei partecipanti, il fumo e riportato i livelli di esercizio fisico, la dieta mediterranea aveva dimostrato una riduzione del 52% del rischio di diabete rispetto alla dieta a basso contenuto di grassi. Inoltre i due gruppi di dieta mediterranea hanno mostrato un minore rischio di diabete nel tempo senza perdere peso significativamente.

Al contrario, i partecipanti del gruppo a basso contenuto di grassi che non hanno sviluppato il diabete hanno perso qualche chilo, in media, mentre quelli che alla fine hanno sviluppato il diabete avevano guadagnato qualche chilo.

I miglioramenti dovuti alla dieta mediterranea si possono mostrare nei livelli di zucchero nel sangue e nella sensibilità all’ormone che regola l’insulina. Inoltre, osservano i ricercatori, i grassi insaturi nella dieta mediterranea si pensa abbiano effetti anti-infiammatori. Nel caso in cui non si segua la dieta mediterranea, conclude Brown-Riggs, è possibile ugualmente ridurre le infiammazioni con l’esercizio fisico regolare. Ma di certo è più facile e piacevole mangiare dell’olio d’oliva.

[Fonte: Health24]

Commenti (2)

  1. A wonderful job. Super helpful infmoration.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>