L’estate sta finendo? Mettiamo fine anche ai chili in eccesso

Sta per arrivare l’autunno. Le giornate si fanno più corte, le serate più fresche. I baretti del centro o quelli sulla spiaggia chiudono prima, la movida di luglio e agosto è solo un ricordo. Ma, purtroppo, spesso questo non si può dire dei chili che abbiamo accumulato durante le ferie: vuoi la compagnia trascinante degli amici, vuoi l’irresistibile varietà di sfiziosi manicaretti e cocktail dall’innocente sapore fruttato, ed ecco che abbiamo fatto il pieno di calorie senza nemmeno accorgercene. I risultati? Sono tutti lì, che ci fissano impietosi dallo specchio, sgraditi souvenir dell’estate trascorsa.

Che il sovrappeso sia prima di tutto un problema di salute, è ormai noto a tutti. I chili in eccesso, e soprattutto l’obesità, sono alla base di numerose gravi malattie. Una ragione in più per liberarsene, prima che il nemico diventi ancora più difficile da combattere.

Capire come funzionano il proprio corpo e la natura è il primo passo per dimagrire

“Siamo quello che mangiamo”. Un modo di dire che purtroppo corrisponde a verità: vita frenetica, alimenti precotti e surgelati, poca cultura ecologica e alimentare hanno fatto sì che, rispetto agli anni ’80, la diffusione del problema del sovrappeso sia triplicata. In Italia più di 4 adulti su 10 (circa il 42% della popolazione) hanno problemi di peso. Anche tra i bambini i dati sono allarmanti: il 22% è infatti in condizioni di sovrappeso e l’11% sono obesi, con una maggior concentrazione geografica nel centro sud. Una vera e propria epidemia che porta con sé rischi e probabilità elevate di sviluppare malattie croniche: diabete di tipo II, disturbi cardiovascolari, ipertensione.