Alessandra Amoroso vince Amici e smette di fumare

Alessandra Amoroso vince “Amici” e smette di fumare. Una scelta giunta attraverso una scommessa. Non ha spiegato con chi l’abbia stipulata, ma il risultato è palese: ora che ha vinto il talent show deve mantenerla e lasciar perdere le sigarette, che tanto danno possono arrecare alla sua voce. Non sarà un percorso facile. Vediamo insieme cosa aspetta a questo giovane talento.

Sinusite, un aiuto da agopuntura e digitopressione

La sinusite, soprattutto quando è cronica, può essere un disturbo particolarmente fastidioso, che si manifesta con mal di testa, congestione nasale, gonfiori e dolori a denti e mascella. Colpisce milioni di persone in tutta Europa, e anche in Italia è sempre più diffusa. Si presenta spesso dopo un’infezione, ma può essere correlata anche alla conformazione del naso e ad altre situazioni contingenti.

Medicina: malati alla ricerca di diagnosi orientali

La medicina orientale attira sempre di più malati e pazienti di ogni genere che spesso “orfani” di una soluzione per i loro problemi nella medicina moderna, cercano negli antichi saperi tradizionali dei popoli orientali un mezzo per guarire dalla propria condizione. Una cosa è certa: la diagnosi orientale ed occidentale si basano su due approcci totalmente diversi.

Agopuntura sui bambini, è sicura?

L’agopuntura, una tecnica molto antica di guarigione per mezzo di aghi inseriti nella pelle in corrispondenza di punti specifici del corpo, sarebbe efficace e sicura anche per i bambini e gli adolescenti. La conferma arriva da uno studio condotto recentemente dall’Università di Alberta, in Canada.

L’agopuntura è utile nel trattamento della neuropatia da chemio?

La chemioterapia, resta di fatto uno dei metodi di trattamento del cancro più utilizzati, tuttavia non è esente da effetti collaterali, anche gravi, come la neuropatia periferica indotta, una condizione che provoca forti dolori ai piedi e ai polpacci, che possono diventare cronici e causare anche difficoltà a camminare. L’agopuntura, in questo senso, potrebbe aiutare ad alleviare il dolore ai nervi.

Agopuntura, fitoterapia ed omeopatia in ospedale: e voi che ne pensate?

Omeopatia, fitoterapia ed agopuntura in ospedale? La questione sollevata da Silvio Garattini Direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri in un’intervista al settimanale “Oggi” continua a far parlare. Il farmacologo si è espresso in modo duro, nei confronti dell’iniziativa della Regione Toscana di avviare un progetto di Medicina Integrata (dunque complementare, da utilizzare insieme alle terapie “convenzionali”) nell’Ospedale “Petruccioli” di Pitigliano. Il farmacologo ha addirittura parlato di “maghi e guaritori”: la sua opinione di grande scienziato va rispettata, anche se il tono è stato sicuramente eccessivo.

Agopuntura ed omeopatia: la medicina complementare in Toscana che non piace a Garattini, ecco di cosa si tratta

Agopuntura, omeopatia e fitoterapia: sono state messe duramente sotto accusa nei giorni scorsi dal prof. Silvio Garattini, nel corso di un’intervista al settimanale “Oggi” pubblicato stamane. In particolare, il Direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, commentava la notizia di una struttura pubblica toscana, la prima in Italia all’interno di un ospedale a sperimentare agopuntura, omeopatia e fitoterapia quali forme coadiuvanti, di supporto alle terapie convenzionali, nel controllo di alcune patologie, il tutto previo pagamento di un ticket. L’accusa era diretta non solo a queste pratiche, ma anche alla Regione Toscana in quanto responsabile in codesto modo di spreco del denaro pubblico (qui alcuni passaggi essenziali). La risposta dell’Assessore alla Regione Toscana Daniela Scaramuccia non si è fatta attendere ed in una nota ufficiale ha spiegato anche alcune inesattezze.

Medicina alternativa in ospedale, Garattini: “Perché non fare spazio anche a maghi e guaritori”?

Medicina alternativa in ospedale a carico del Servizio Sanitario Nazionale: sono destinate a scatenare polemiche e dure reazioni dei professionisti del settore le parole di Silvio Garattini sull’agopuntura, l’omeopatia e la fitoterapia. Garattini, che dirige l’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”, in un servizio realizzato dal settimanale Oggi, è intervenuto adottando toni poco concilianti ed abbastanza scettici sull’ingresso all’ospedale di Grosseto delle alternative in ambulatori dedicati, sollevando perplessità a cui le autorità sanitarie, condivisibili o meno, non hanno ancora dato una risposta.

Garattini non accetta che le medicine alternative, che definisce completamente senza prove, e medicina vera, ovvero basata su certezze sempre maggiori della validità del metodo a tutela del paziente, vengano equiparate. Inoltre, si chiede Garattini, davvero il paziente può essere lasciato libero di scegliere il trattamento che più desidera senza controllo? Diritto incontestabile, ma ben altra cosa è invece il denaro pubblico che bisognerebbe investire in terapie che diano risposte concrete ai pazienti, a prescindere dalle loro preferenze.

Agopuntura, potenziali benefici contro l’occhio pigro

L’agopuntura come alternativa alla benda nel trattamento dell’ambliopia, meglio conosciuta come occhio pigro, nei bambini più grandi. Ad esplorarne le potenzialità un recento studio pubblicato sul numero di dicembre della rivista di divulgazione scientifica Archives of Ophthalmology.

Stando alle informazioni di base fornite nell’articolo, a soffrire di ambliopia nel mondo sarebbe tra lo 0,3 ed il 5 per cento degli individui. Tra un terzo e la metà dei casi sono causati da differenze nel grado di miopia o ipermetropia tra i due occhi, una condizione nota come anisometropia. Correggere gli errori di rifrazione con occhiali o lenti a contatto si è rivelato efficace nei bambini dai 3 ai 7 anni, ma nella fascia d’età compresa tra i 7 ed i 12 anni, solo il 30 per cento risponde al trattamento.

Medicina tradizionale: l’Oms annuncia uno studio internazionale

L’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), pone nuovamente l’accento sulla medicina tradizionale, ovvero su quelle tecniche che nascono dalla tradizione, da noi considerate e definite “alternative” e non convenzionali. Per la prima volta sarà effettuata una classificazione internazionale dei termini e delle metodologie diagnostiche e terapeutiche che sembrano avere maggiore efficacia o comunque che sono maggiormente diffuse. Lo scopo è valutarne con certezza i benefici o gli eventuali rischi.

“Siamo consapevoli di quanto la medicina tradizionale sia molto diffusa”

ha affermato Marie-Paule Kieny, Vice Direttore Generale per l’Innovazione, informazioni, prove e della Ricerca dell’OMS

Agopuntura, ecco perché funziona

Agopuntura: perché funziona? Su questo punto la ricerca si interroga da anni e oggi sembra essere arrivata a scoprire da cosa derivino le proprietà terapeutiche degli aghi. Dietro l’efficacia dell’agopuntura ci sarebbe infatti l’adenosina, un antidolorifico naturale che si sprigiona nel corpo in seguito alla stimolazione del tessuto tramite gli aghi.
L’adenosina è un nucleoside composto da una molecola di adenina legata ad un ribosio. Ha un ruolo dimostrato nei meccanismi di regolazione del sonno, per la sua azione sul cuore e per le sue proprietà antinfiammatorie.

In Italia, stando ai dati forniti dall’Associazione Italiana Agopuntura, sarebbero in sei milioni ad affidarsi nelle mani dei medici agopuntori, circa dodici mila nel nostro Paese secondo la Società italiana di Farmacognosia (Siphar).