GlucaGen, ritirati 3 lotti

Sono stati ritirati in questi giorni tre lotti di Glucagen Hypokit, un farmaco per la cura del diabete e nello specifico degli stati di ipoglicemia gravi. Vediamo insieme cosa fare, come spiegato dall’Aifa (l’Agenzia italiana del farmaco,N.d.R.) se si è in possesso di parte dei lotti ritirati.

AIFA, bugiardini aggiornati in farmacia

Dal 3 giugno 2014 in tutte le farmacie, parafarmacie e corner GDO nazionali, chi acquista un farmaco su cui è intervenuta una recente modifica delle informazioni di sicurezza del foglio illustrativo (non ancora riportata nel documento all’interno della confezione) riceverà dal farmacista il bugiardino aggiornato, approvato dall’AIFA.

Metodo Stamina: via libera dell’Aifa alla sperimentazione

E’ arrivato, dopo proteste e tanta attesa, il via libera ufficiale dell’Aifa e del Ministero della Salute in merito alla sperimentazione del metodo Stamina, il trapianto di staminali mesenchimali messo a punto dalla Stamina Fondation ed al centro di tante polemiche. Ora la parola passa alla politica.

Vaccini antinfluenzali Novartis, rimosso stop al commercio

I vaccini antinfluenzali della Novartis tornano in commercio. Il blocco che era stato messo dal Ministero della Salute lo scorso 24 Ottobre, effettuato in via precauzionale in seguito ai risultati negativi di alcuni test di sicurezza sui medesimi medicinali, è stato rimosso. L’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) ha dato il via libera dopo la verifica della documentazione fornita dall’azienda farmaceutica produttrice dei lotti incriminati ed altri test realizzati anche dall’Istituto Superiore di Sanità.

Vaccini antinfluenzali Novartis: presto in commercio?

Arriva lo sblocco per i vaccini antinfluenzali Norvatis? E non solo nel nostro paese, a quanto pare. Dopo il parere positivo dell’Aifa, l’agenzia italiana del farmaco, che potrebbe portare secondo il Ministro della salute Renato Balduzzi ad una rimessa in commercio del farmaco,  sembra che anche gli enti preposti canadesi e svizzeri stiano per raggiungere o abbiano raggiunto la stessa decisione. Ma mentre la situazione sta tornando tecnicamente alla normalità cosa sta rimanendo nei cittadini? A quanto pare tanta diffidenza.

Nimesulide, prescrizione per dolore acuto e non cronico

Il nimesulide (Aulin) non sarà più indicato per l’osteoartrite dolorosa, malattia cronica. Tale dizione scomparirà dai foglietti illustrativi e cesserà quindi il rimborso da parte del SSN in caso di indicazione per la suddetta patologia. Rimarrà invece se la prescrizione riguarderà il dolore acuto. Questa volta, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale avvenuta lo scorso 24 agosto, il fatto, già annunciato più volte, è definitivo e l’indicazione riguarderà tutti i medicinali contenenti questo principio attivo, dai generici al noto Aulin. E’ stata l’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) a darne notizia, aggiornando la nota 66 del nimesulide. Il tutto dopo il parere ufficiale del Comitato per i medicinali a uso umano (CHMP) dell’EMA.

Farmaci e caldo, i consigli dell’AIFA

Il caldo può far male anche ai farmaci. Le temperature più alte, infatti, e la maggiore esposizione alla luce solare, possono incidere in negativo sull’integrità dei medicinali, compromettendone l’efficacia. Ecco, allora, i consigli dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco)per evitare i potenziali rischi per la salute e trascorrere un’estate serena.

Pillola dei 5 giorni dopo: ora in farmacia

La pillola dei cinque giorni dopo da martedì nelle farmacie italiane. EllaOne, questo il nome con il quale l’ulipristal acetato verrà commercializzato, è un contraccettivo di emergenza assumibile ed efficace fino a centoventi ore dal presunto concepimento avvenuto nel corso del rapporto sessuale non protetto. L’annuncio prima e l’approvazione poi di questo farmaco hanno suscitato molte polemiche in Italia.

Malattie rare: le ricerche finanziate dalle Istituzioni italiane

In questa ultima settimana le malattie rare hanno rappresentato, fortunatamente, uno dei principali temi di conversazione riguardanti la medicina, complice la giornata mondiale dedicata celebrata lo scorso 29 febbraio.  Aumentando l’attenzione sociale sul tema, è automaticamente cresciuta quella istituzionale. E diversi soggetti hanno stanziato fondi importanti, soprattutto se letti in un contesto di forte crisi.

Aifa: attenzione al ketoprofene per uso cutaneo, provoca fotosensibilizzazione

L’ AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco lancia l’allarme sicurezza per il ketoprofene topico ad uso cutaneo. Perché? Il medicinale è un antinfiammatorio non steroideo (FANS) che si applica localmente e dunque sulla pelle, in prossimità della parte dolente, si usa solitamente per trattare gli stati dolorosi ed infiammatori dovuti a traumi o ad alcune malattie reumatiche. Sono però stati documentati dei casi di fotosensibilizzazione ed ipersensibilità cutanea, a volte anche gravi in conseguenza dell’esposizione al sole dopo l’applicazione del medicinale a base di ketoprofone. I casi riportati parlano di una durata dei sintomi che va dai pochi giorni ad alcune settimane, anche se sono documentati episodi di più lunga durata.

Farmaci generici: da oggi più economici

Farmaci generici: l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha deciso di abbattere i prezzi di questi medicinali: si arriverà anche a riduzioni del 40%. In tutto a partire da oggi 15 Aprile in ottemperanza al Decreto legislativo (78/2010) che prevede l’adeguamento dei prezzi agli altri paesi europei come la Francia, la Gran Bretagna, la Germania e la Spagna. In tutto si parla di 4.189 farmaci, la cui lista completa, è presente sul sito internet dell’Agenzia (si può anche scaricare tramite applicazioni per iPhon) e viene definita “di trasparenza” perché dovrebbe aiutare il cittadino/paziente ad avere la consapevolezza del giusto prezzo del farmaco. Potrebbe essere l’occasione buona per diffondere su tutto il territorio questi medicinali che a parità di effetti hanno un costo minore degli “originali” o meglio di quelli di marca, consentendo così un grande risparmio di denaro pubblico e personale.

Superbatterio New Delhi: due casi anche in Italia


Il superbatterio “New Delhi” è arrivato in Italia. Due casi sono stati infatti registrati nel nostro paese. La situazione, sebbene non desti allarme è costantemente monitorata dagli esperti.

Cerchiamo di capire insieme cosa si nasconde sotto il nome del superbatterio, il quale spaventa molto perché resistente agli antibiotici. Il suo nome di utilizzo comune deriva dal suo luogo di origine, l’India, dove per la prima volta è stato isolato.  Scientificamente conosciuto come NDM-1, questo batterio è particolarmente resistente a diversi tipi di farmaco.