Il calcio non fa bene alla salute delle donne

Si sente spesso dire che “il calcio non è uno sport da femminucce”. Una frase abbastanza infelice ma che ora trova anche una sponda in campo medico. Secondo la Washington University School of Medicine di St. Louis, lo stress fisico che comporta giocare a calcio da professioniste, unito alle restrizioni nel cibo, se negli uomini non comporta grossi disagi, può comportarli nel fisico delle donne.

Anoressia: la testimonianza di chi ne ha sofferto

L’anoressia e la bulimia, due facce della stessa medaglia raccontate da una donna che le ha conosciute da vicino: Chiara. Ha 43 anni, la mia età e ci siamo conosciute casualmente durante una cena con una fetta di torta in mano. Ha una costituzione robusta, un’ossatura grossa, ma non mi sembra sovrappeso. Sorridendo, ha iniziato subito a raccontarmi la sua storia.

“Una volta, finita questa fetta di dolce sarei corsa in bagno a vomitare. Ero poco più di una bambina e sono stata fortunata ad invertire la rotta”.

La mia curiosità è stimolata, del resto, lei ha voglia di darmi la sua testimonianza.

Amenorrea secondaria

Amenorrea secondaria

Da non confondere con l’amenorrea primaria, più comunemente chiamata solo con il nome di amenorrea, l’amenorrea secondaria è la mancanza di periodi mestruali per 6 o più mesi in una donna che ha già iniziato le mestruazioni e che non è in stato di gravidanza, allattamento o menopausa.

CAUSE: Ci sono molte ragioni per un ciclo mancante. La sindrome dell’ovaio policistico è una frequente causa di amenorrea secondaria. E’ anche probabile se ci si impegna in esercizi estremi e prolungati, si ha il 15-17% in meno di grasso corporeo, si è obesi, o si assumono integratori ormonali. Altre cause sono:

  • Improvvisa perdita di peso significativa a seguito una dieta rigida o dopo l’intervento chirurgico di bypass gastrico;
  • Ansia e stress emotivo;
  • Disfunzioni della tiroide;
  • Tumori cerebrali;
  • Insufficienza ovarica prematura.

Rischio amenorrea elevato per le atlete, ma oggi si vede un rimedio all’orizzonte

Uno studio condotto dal ricercatore in medicina sportiva Anne Hoch del Medical College of Wisconsin di Milwaukee ha rivelato che le giovani danzatrici professioniste e le giovani atlete devono affrontare alcuni rischi per la salute quando non mangiano abbastanza per compensare l’energia spesa, come l’interruzione del ciclo mestruale.

Queste due componenti nelle atlete le espongono al rischio più elevato di altre due condizioni, cardiovascolari e il deficit di densità ossea, per quando andranno in postmenopausa

spiega la dottoressa Hoch. I ricercatori hanno studiato 22 ballerine professioniste, tutte membri della Milwaukee Ballet Company, per determinare la prevalenza di disturbi alimentari, amenorrea (assenza di mestruazioni), anomalie della funzione vascolare e bassa densità ossea. Esse hanno compilato dei questionari sui loro cicli mestruali e sulle abitudini alimentari, e hanno fatto un esame del sangue per valutare i livelli ormonali. Il 36% del gruppo aveva disordini alimentari e il 77% avevano un deficit calorico. Il 27% sono attualmente amenorroiche, il 23% ha una bassa densità di massa ossea ed il 9% prende la pillola anticoncenzionale per regolare il ciclo.

La misurazione arteriosa con gli ultrasuoni ha rivelato che il 64% possiede un’anomala dilatazione delle arterie, una prova della disfunzione vascolare comune in questo gruppo. Secondo la dottoressa Hoch, l’86% ha avuto una o più condizioni, ed il 14% le aveva tutte e quattro. In uno studio connesso, già presentato alla Società Americana di Medicina dello Sport riunione di Tampa, in Florida, i ricercatori del Medical College of Wisconsin di Milwaukee hanno constatato che 4-6 settimane di alte dosi di supplementi di acido folico potrebbero migliorare la funzione vascolare nelle giovani donne atlete che erano amenorroiche.