5 cibi che accelerano il dimagrimento

Ecco 5 cibi che accelerano il dimagrimento. Se si ha bisogno di perdere peso, seguire una dieta corretta e fare dell’attività fisica è basilare. Scopriamo insieme, grazie alla nutrizionista inglese Salma Kahn quali sono quegli alimenti che possono aiutare a raggiungere prima l’agognato risultato.

 

5 migliori alimenti che aiutano a bruciare calorie dopo le Feste (FOTO)

In questi giorni di festa gli strappi alla regola, a tavola, sono all’ordine del giorno: presto dunque sarà tempo di mettersi a dieta per ritrovare la forma perduta. E quei chiletti di troppo possono essere buttati giù grazie anche a quelli che sono i cosiddetti alimenti brucia calorie. Quali quelli più efficaci per dimagrire dopo le feste?

Cenone di Capodanno, con i cibi che fanno dimagrire mangiando in salute

E’ il sogno di tutti: un gustoso Cenone di Capodanno a base di cibi che fanno dimagrire anziché ingrassare, in netta controtendenza, ma soprattutto fanno bene alla salute. Gli esperti dicono che nei prossimi giorni riusciremo ad accumulare ben 14.000 calorie che dopo l’Epifania si trasformeranno come per magia in due o tre chili di troppo. Ma i sogni a volte si possono avverare, occorre chiedere consulenza alla persona giusta ed è quello che abbiamo fatto noi di Medicinalive verificando prima di tutto se esistono cibi in grado di far dimagrire mangiando e come funzionano. Risponde la nostra esperta, dottoressa Maria Assunta Coppola biotecnologa medico e nutrizionista.

Perdere peso, il peperoncino aumenta il dispendio energetico

I peperoncini possono aumentare il dispendio energetico nelle persone che cercano di perdere peso.
Immaginate la vostra gioia mentre vi godete il vostro cibo preferito messicano, magari un bel burrito con fagioli sormontato da una grossa dose di peperoncino piccante. Capita che in un sol boccone ingeriamo più pezzetti di peperoncino e in quel caso avvertiamo immediatamente una sensazione di calore che sale.
Gli scienziati spiegano questo fenomeno attribuendolo ad una sostanza contenuta nei peperoncini chiamata capsaicina, che non solo aggiunge sapore alla nostra alimentazione, ma stimola il nostro corpo a scaldarsi. Si ipotizza che le piante si siano dotate di capsaicina, nel corso della loro evoluzione, per liberarsi dagli insetti e dagli altri predatori fastidiosi che ne attentavano le foglie. In molte cucine tradizionali di diversi Paesi del mondo i cibi che la contengono sono volutamente consumati per accendere un piatto.

Ma questa non è la sua sola funzione, a quanto pare. Stando ad uno studio dei ricercatori del Center for Human Nutrition dell’UCLA, l’università californiana di Los Angeles, i peperoncini e le altre spezie piccanti non soddisferebbero soltanto le papille gustative, ma accelererebbero altresì il processo di dimagrimento, contribuendo a farci perdere quei centimetri in più che si accumulano intorno alla vita.

Il peperoncino pungente, un potente analgesico


Il principio attivo pungente che ha già dimostrato, nell’applicazione locale, di poter diminuire il dolore presente in diverse patologie (neuropatia diabetica, malattie reumatiche, cefalee, nevralgia post-herpetica), la capsaicina del peperoncino, ha fornito nuove prove a sostegno della sua capacità analgesica. Il Journal of Contemporary Dental Practice (marzo 2008) pubblica un rapporto, ad opera di studiosi brasiliani, sul trattamento antidolorifico di una neuropatia periferica post-traumatica mediante l’applicazione di capsaicina in un paziente di 62 anni, privo di denti.

Sottoposto ad un intervento di reimpianto dentale e applicazione locale di un gel di capsaicina per ridurre il dolore, quest’ultima ha dimostrato di poter diminuire i sintomi dolorosi della neuropatia, non solo in questo caso clinico, ma anche da quanto risulta dall’analisi della letteratura scientifica.