Cosa mangiare in caso di meteorismo e cibi da evitare (FOTO)

Cosa mangiare in caso di meteorismo? E quali cibi evitare? C’è una dieta ottimale da seguire? Abbiamo parlato spesso di meteorismo: un disturbo comune che può avere risvolti molto negativi e arrivare a intaccare persino la vita sociale. Al di là della distensione e del gonfiore a livello dell’addome, il meteorismo si manifesta infatti attraverso sintomi che possono arrecare imbarazzo come l’eruttazione e la flatulenza (o aerofagia). Per alleviare tali sintomi, è importante curare la dieta: vi sono cibi da evitare, cibi che aiutano a contrastare il disturbo e cibi concessi. In questo articolo scopriremo quali sono le scelte alimentari consigliate.

Mal di testa da cibo freddo: ecco perchè

Ci siamo passati tutti: quella fitta improvvisa e dolorosa che ci prende alla testa se mangiamo qualcosa di troppo freddo (leggasi gelato) o beviamo una bevanda ghiacciata: è conosciuta con il nome di “brain freeze, o mal di testa da cibo freddo. Vediamo da vicino di cosa si tratta.

Legge su etichette cibi, più trasparenza per i consumatori

La Commissione Agricoltura della Camera ha approvato la legge “Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari”, il decreto che salva il Made in Italy e che finalmente garantisce ai consumatori di sapere cosa si porta in tavola.

L’articolo numero 4 rende infatti obbligatorio indicare il luogo di origine e provenienza nonché la presenza di ingredienti provenienti da organismi geneticamente modificati in qualunque fase del processo produttivo, dal luogo di produzione iniziale al consumo finale.

Pericolo antimonio nei succhi di frutta

Le notizie sulla contraffazione dei prodotti alimentari ricorrono purtroppo a intervalli regolari e sempre più spesso capita di sentire di sostanza tossiche o proibite che vengono impiegate dalle aziende produttrici e che possono causare svariati problemi per la salute. L’ultimo allarme, lanciato dagli studiosi dell’ Università di Copenhagen riguarda i succhi di frutta, bevande preferite anche come merenda dei più piccoli, che contengono elevati livelli di antimonio, un semimetallo che può causare tumori, problemi all’apparato cardiovascolare ed ai polmoni.

Tante le marche che sono finite sotto accusa dopo l’analisi condotta su ben 42 tipi di succhi prodotti da 16 aziende, vi sono alcune aziende europee. L’antimonio è presente anche nell’acqua e proprio per la sua presunta tossicità l’ Unione Europea ha fissato dei limiti a questa sostanza che vengono invece superati di gran lunga dalle bevande alla frutta. La ricerca, pubblicata anche dall’ auterovole Journal of Environment Monitoring, ha subito destato l’attenzione degli esperti.