Centri di ipertermia convenzionati e non in Italia per la cura dei tumori

Dove fare ipertermia oncologica? Esistono Centri per l’Ipertermia in Italia convenzionati con il Servizio sanitario Nazionale, o sono solo privati? Ve ne sono a Roma, Milano, Genova o Napoli? Soprattutto cos’è l’ipertemia oncologica e come funziona? Scopriamo insieme le risposte a tutti questi quesiti, con approfondimenti e lista con indirizzo e recapiti dei principali centri per l’ipertermia in Italia, convenzionati e non.

Batteri buoni proteggono dal cancro al seno

Alcuni batteri buoni sarebbero in grado di proteggere dal cancro al seno: la notizia arriva da una ricerca condotta da Gregor Reid della Western University in Canada i cui risultati sono stati resi noti rivista Applied and Environmental Microbiology. Il merito sarebbe soprattutto di Lactobacillus e Streptococcus Thermophilus, in grado di proteggere la salute delle donne e difenderle dal cancro.

David Bowie è morto, era malato di cancro

Il mondo intero piange per la morte di David Bowie, scomparso ieri a 69 anni per una malattia incurabile. Un cancro che per diciotto mesi lo ha costretto a sottoporsi a cure che però, purtroppo, non hanno avuto l’esito sperato.

Cancro, prima bambina trattata con i protoni in Italia

Per la prima volta in Italia una bambina è stata trattata per il cancro da cui era affetta con una terapia a base di protoni. Il primato è valido anche per la tipologia di tumore: finora i bambini non erano stati approcciati in tal modo.

Cancro, scoperto gene che lo frena

Un gene capace di spegnere il cancro. E’ ciò che hanno scoperto i ricercatori dell’Istituto Humanitas di Rozzano. La ricerca contro i tumori procede senza sosta: la novità dello studio italiano? Questa molecola sembra funzionare in modo unico e nuovo rispetto a ciò riscontrato in passato.

Neurinoma acustico, l’ipertermia oncologica come cura funziona?

Richiesta di Consulto Medico
“Salve , sono arrivato al vostro sito attraverso la ricerca di informazioni sull’ipertermia. Volevo sapere da voi se questo tipo di cura è utilizzabile per il Neurinoma acustico, quanto possa avere successo e dove eventualmente poter prenotare in Italia una visita per valutare la mia situazione. Abito in Piemonte ma disponibile a viaggiare, grazie”.

Farmaci salva fertilità a spese delle pazienti oncologiche

Donne in età fertile e tumori: quante volte abbiamo sentito parlare della possibilità di conservare gli ovociti delle pazienti per dare loro la speranza di mettere al mondo figli nonostante la chemioterapia? La questione è ancora molto attuale ma la FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, ANDOS – Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, AIMaC – Associazione Italiana Malati di Cancro, Salute Donna) lancia l’allarme: i farmaci salva fertilità in Italia sono a carico delle pazienti e, nemmeno a dirlo, sono davvero troppo costosi.

Curare il tumore con le radiazioni dal suo interno

Curare un tumore con le radiazioni dal suo interno. Una novità in campo scientifico, sulla quale molti ricercatori lavorano da anni. Fra tutti, quelli guidati dal professor Yona Keisari del Dipartimento di Microbiologia Umana dell’Università Sacker di Tel Aviv e dal professor Itzhak Kelson (Dipartimento di Fisica ed Astronomia) del medesimo istituto scientifico. I due sono riusciti infatti a mettere a punto un particolare metodo per curare i tumori solidi basato su un sottilissimo filo radioattivo (lungo circa un centimetro e sottile approssimativamente come uno spillo), in grado, una volta inserito all’interno della massa tumorale di emettere atomi radioattivi.

Tumori, i malati tra assistenza e difficoltà lavorative

Il cancro è la vera piaga dell’umanità. E gli italiani non vengono risparmiati. Lo sottolinea il Censis nella sua indagine “Ad alta voce”che alla vigilia della Giornata Nazionale della ricerca contro il cancro mette davvero il punto su una realtà difficile da affrontare e complessa da sostenere per almeno 2,2 milioni di persone. Sia dal punto assistenziale che lavorativo. Sapevate che in seguito al cancro almeno l’80% dei malati ha dovuto cambiare lavoro perchè insufficiente al mantenimento o per licenziamento?

La cura dei tumori attraverso il calore: è l’ipertermia

I tumori si curano anche grazie al calore, attraverso una particolare metodica che si chiama ipertermia. Si tratta di una tecnica coadiuvante che va effettuata in concomitanza alle più tradizionali e conosciute chemioterapia e radioterapia. Come indica il nome, consiste nell’innalzamento della temperatura corporea attraverso particolari strumentazioni, nel punto da trattare. Il risultato terapeutico è da tempo noto alla comunità scientifica, tanto è che l’applicazione di questa cura coadiuvante è anche in convenzione con il servizio sanitario nazionale.

Adroterapia, a Pavia nuova cura contro i tumori

I tumori sono la patologia più diffusa nell’ultimo secolo e, purtroppo, continuano a mietere vittime senza far distinzione di età e di sesso. Non si conoscono ancora con esattezza tutte le cause che li provocano, nè si hanno tutte le informazioni necessarie sui meccanismi d’azione e, per questo, la battaglia contro il cancro sembra ancora lunga e difficoltosa. A riaccendere le speranze, però, vi sono le scoperte fatte dagli esperti e la messa a punto di nuove terapie che possono migliorare le condizioni di salute dei pazienti e mirare ad eliminare o far regredire la terribile malattia.

Una delle ultime innovazioni nel campo della medicina è l’adroterapia, una tecnica ereditata e sviluppata dalla radioterapia convenzionale che utilizza i raggi X. In questo caso, invece, vengono impiegati fasci di protoni, di ioni carbonio e di neutroni, particelle che vengono appunto chiamate “adroni”. Riconosciuta anche da Veronesi come terapia anticancro mirata e priva dei principali effetti collaterali, sarà disponibile anche in Italia con il primo Centro nazionale di adroterapia oncologica (Cnao) operativo a Pavia.

Olio, ceci e fagioli efficaci contro i tumori

Una buona notizia per i consumatori abituali di legumi e olio extra-vergine d’oliva: sembra infatti che il prezioso condimento, i ceci e i fagioli siano efficaci nella lotta ai tumori. E’ quanto scoperto da un recente studio, condotto da Marialuisa Brandi, endocrinologa all’Università di Firenze.
La ricerca ha dimostrato che le cellule intaccate da formazione cancerogena sono suscettibili di rallentare il loro decorso se sottoposte ad uno specifico trattamento con questi alimenti.

Per appurare l’efficacia di olio e legumi contro il cancro, sono state operate delle sperimentazioni utilizzando due colture di cellule umane intaccate da tumore al colon per un totale di diecimila unità cellulari ciascuna. Una coltura è stata lasciata inalterata, l’altra coltura è stata invece sottoposta ad un trattamento impiegando proprio olio extra-vergine di oliva, ceci e fagioli.
Trascorso un tempo di dodici giorni, i ricercatori hanno notato un enorme distacco nella proliferazione della forma cancerogena tra la coltura trattata e quella non trattata.