Demenza frontotemporale, i sintomi

Quali sono i sintomi della demenza frontotemporale? Essa è una patologia neurodegenerativa a carico dei lobi temporali o frontali del cervello. Scopriamo insieme quali sono le sue principali manifestazioni.

La demenza favorita da una proteina

Una proteina, specifica, favorisce la comparsa di demenza. Tutto a causa di mutazioni genetiche ad essa correlate.  Parliamo della progranulina la cui correlazione è stata osservata e studiata nel corso di questi ultimi tre anni nell’ambito di una ricerca condotta dall’Ospedale Sacco di Milano e dall’Ospedale Fatebenefratelli di Brescia e promossa dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna.

La demenza frontotemporale libera le capacità multisensoriali: Ravel ed Anne Adams uniti da un torrente di creatività

Il New York Times ha riportato la storia di una scienziata canadese Anne Adams, morta di una rara malattia cerebrale lo scorso anno.
Dopo una formazione in matematica, chimica e biologia, la Adams lasciò la sua carriera di scienziata ed insegnante nel 1986, per prendersi cura del figlio, gravemente ferito in un incidente stradale e senza nessuna possibilità di guarigione.
Il giovane uomo guarì miracolosamente, ma la madre non tornò più alla sua carriera di scienziato per dedicarsi all’arte. Sin da giovane nutriva una passione per la pittura, che all’improvviso diventò tutta la sua vita.

Il marito Robert racconta che, dalle 9 alle 17, Anne rimaneva chiusa nel suo studio a dipingere. inizialmente si trattava di ritratti archittetonici delle case del quartiere il cui vivevano.
Nel 1994 rimase affascinata dalla musica del compositore Maurice Ravel e dipinse “Unravelling Bolero”, traducendo Bolero in forma visiva.
“Benchè Anne non ne fosse a conoscenza, anche Ravel aveva sofferto di una malattia al cervello i cui sintomi sono identici a quelli di Anne Adams” ha spiegato il dottor Bruce Miller, neurologo e direttore del Memory and Aging Center presso l’Università della California.