Proteggere la vista nei bambini, 6 cose da fare

Proteggere la vista nei bambini è importante e per questo motivo i medici dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù hanno fornito una preziosa guida utile a tutelare la salute degli occhi dei piccoli. Ecco 6 cose da fare.


1. Visite specialistiche

Perché trema l’occhio?

L’occhio che trema, o che dà la sensazione di battere, è una situazione che può capitare di frequente: quali possono essere le cause principali che determinano questo piccolo disturbo? Insomma perché batte l’occhio? A cosa dobbiamo questo fastidio? Sono queste le domande che di solito ci poniamo quando capita di avere a che fare con occhi che “ballano”. E allora cerchiamo di capire i motivi che comportano il tremore della palpebra.

Occhi rossi

Occhi rossi

Sono generalmente un segnale di infiammazione caratterizzata appunto da arrossamento oculare. Tale irritazione può essere provocata da infezioni (batteriche, virali i fungine), contatto con sostanze urticanti, il vento, un’allergia, un trauma, ecc. Il termine “occhio rosso”, infatti, definisce un insieme eterogeneo di malattie oculari, sebbene il più delle volte si tratti di disturbi relativamente benigni. È chiaro che riconoscere le diverse cause è fondamentale per curare gli occhi in modo corretto.

5 Cose da sapere per mantenere gli occhi sani a lungo (foto)

Gli occhi sono lo sguardo dell’anima cita un vecchio detto e al contempo rappresentano il prezioso mezzo con cui godere delle meraviglie del mondo. Mantenere una vista sana il più a lungo possibile è uno degli scopi che ci dovremmo prefiggere abitualmente, con uno stile di vita adeguato. Abbiamo già visto i preziosi consigli per mantenere in salute gli occhi, quelli che tutti sanno e dovrebbero mettere in pratica. Oggi però ci vogliamo occupare di 5 curiosità o comunque aspetti su cui ci sofferma troppo di rado, utili per la nostra vista.

5 consigli per la salute degli occhi (foto)

Troppo spesso ci dimentichiamo della salute degli occhi. In realtà se non si hanno problemi alla vista ben evidenti è raro che ci si rivolga ad un oculista. Eppure è sbagliato perché questo professionista oltre a valutare se vi siano patologie silenti, può dare importanti consigli per la prevenzione. Bastano pochi e semplici gesti per mantenere una vista sana molto a lungo. Ecco una lista.

Nato bimbo senza occhi: a 16 anni l’impianto di uno artificiale

Si chiama Marwanijun ed è nato in Cina, il bambino speciale venuto al mondo senza gli occhi. Al posto dei bulbi oculari, ha uno strato sottile di pelle. E’ un bimbo, come altri che è nato con una malformazione rarissima seppure non unica. Durante le visite nell’ospedale della regione dello Xinjiang  i medici si sono resi conto di una particolarità che ha donato speranze ai genitori ventiseienni del bimbo: a sinistra un occhio c’è, è coperto dalla pelle, ma è presente.

Ectropion

Ectropion

L’ectropion è il risvolto all’infuori della palpebra (di solito la palpebra inferiore) in modo che la superficie interna venga esposta.

Ifema

Ifema

L’ifema è un accumulo di sangue nella zona anteriore dell’occhio.

CAUSE: L’ifema di solito è causato da un trauma all’occhio. Altre cause di sanguinamento nella camera anteriore dell’occhio includono:

  • Anomalie dei vasi sanguigni;
  • Cancro dell’occhio;
  • Grave infiammazione dell’iride.

Halloween: divertirsi in sicurezza e salute

Per i bambini come per gli adulti, Halloween è un momento estremamente divertente. Negli Stati Uniti però coinvolge un gran numero di persone, troppe per non fare attenzione alla sicurezza e alla prevenzione. Ecco allora che il CDC (cioè il Centro per il controllo e la prevenzione) del Dipartimento dei servizi sanitari e sociali, ha lanciato una campagna informativa: “Safe Halloween”. Vediamola insieme, perché si tratta di indicazioni che vanno bene anche qui in Italia.

I costumi: devono essere comodi e non troppo lunghi. Ballando e scherzando, si rischia di inciampare e farsi male; gli accessori, come i coltelli o le spade devono invece essere morbidi e flessibili. Le maschere devono inoltre permettere una buona visibilità. Meglio se ignifughi: in una festa ci si può trovare a contatto con candele o fari ed un materiale infiammabile non sarebbe l’ideale.

Cile: la rinascita dei minatori e la loro salute


I minatori cileni. Stanno tornando in superficie in queste ore, dalle viscere della terra. Più di 20 minuti per passare attraverso uno stretto tunnel e poi, tante lacrime liberatorie. Sembra la descrizione della nascita di un bambino, e come tale è un momento indimenticabile che restituisce la vita a 33 uomini, dopo ben 67 giorni.  Da subito ci si è preoccupati della loro salute psicofisica. Nulla è stato lasciato al caso.

Agli uomini sono state fornite delle tute termiche e degli occhiali scuri particolari (di fabbricazione italiana). Servono per tutelarli dai primi grandi contrasti. Il loro organismo è ormai abituato ad un clima caldo ed umido, mentre la notte nel deserto cileno è fredda. La loro pelle va invece protetta dal sole diurno.

Chirurgia estetica: per gli occhi c’è la blefaroplastica

L’intervento di chirurgia estetica per ringiovanire il contorno occhi si chiama blefaroplastica. I suoi risultati sono spesso notevoli, a causa della preponderanza che lo sguardo assume  nell’ambito del viso. Gli occhi dicono molto del vissuto e del carattere di una persona. E’ in questa zona però che si manifestano i primi segni dell’invecchiamento, le cosiddette zampe di gallina, che poi diventano vere e  proprie rughe. In un secondo momento, dopo i 40 anni (ma dipende da vari fattori) anche le palpebre cominciano a cedere (arrivando a ridurre il campo visivo) e gli occhi si fanno ogni giorno più gonfi (le classiche borse).

Attuare un’inversione di tendenza in questo senso attraverso la blefaroplastica può restituire un aspetto estremamente più giovanile. E’ un intervento chirurgico indicato sia per gli uomini che per le donne che dura dai 20 minuti alle due ore, a seconda della complessità del caso e della tecnica utilizzata. Si può effettuare una blefaroplastica superiore (che riguarda essenzialmente le palpebre), una inferiore (principalmente per la riduzione delle borse), oppure una blefaroplastica completa (sopra e sotto) che è di fatto la pratica più richiesta.

Cecità: un percorso hi-tech al policlinico Gemelli

Cecità: un percorso hi-tech, tattilo-plantare-vocale da oggi accompagnerà i non vedenti presso un ambulatorio ospedaliero a loro dedicato. Accade a Roma, presso il Policlinico Gemelli, dove ha sede il Polo Nazionale di Servizi e Ricerca per la Prevenzione della Cecità e la Riabilitazione visiva degli Ipovedenti. Si tratta di un percorso di circa 500 metri.

E’ il primo servizio di questo tipo installato in un ospedale italiano ed è stato fortemente voluto dall’Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità IAPB Italia onlus, ovviamente con la collaborazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e del Ministero per la Salute.

D’ora in poi, almeno in questo contesto i disabili visivi potranno muoversi in libertà ed autonomia, senza barriere, cosa che dovrebbe essere normale nella vita quotidiana, ma che non lo è neppure quando ci si deve rivolgere a strutture specialistiche.

Sicurezza al sole, anche gli occhi vanno protetti

L’esposizione solare comporta molti rischi, soprattutto se a prendere il sole ci presentiamo impreparati, non protetti e senza le dovute precauzioni. In agguato scottature, ustioni, eritema solare e purtroppo anche il melanoma. Non esporsi nelle ore più calde, tra le 12 e le 16 ed usare sempre un fattore di protezione solare adeguato, anche quando si è già abbronzati, anche in acqua e anche all’ombra, è l’ideale per evitare di incorrere in spiacevoli sorprese.

Tuttavia la pelle non è la sola parte del corpo da proteggere dai danni del troppo sole. Spesso trascurati, a torto, ci sono gli occhi che non vengono protetti adeguatamente dai raggi UV. Il dato è preoccupante: ben il 48% degli italiani non usa occhiali da sole, stando ad una recente indagine svolta dall’Istituto Piepoli su un campione di 1.019 italiani.