Ora solare, come prepararsi alla stagione fredda

Questo fine settimana segna il ritorno dell’ora solare: le giornate si fanno più corte e a risentirne, nella maggior parte dei casi, è l’umore. Come prepararsi alla stagione fredda nel migliore dei modi? Ecco qualche consiglio da mettere in pratica.

6 alimenti contro gli effetti dell’ora solare

Torna l’ora solare nel prossimo week end. Le lancette andranno spostate indietro di un’ora e si dormirà meno. Spossatezza, stanchezza, irascibilità, insonnia: sono questi alcuni degli effetti negativi dell’ora solare sull’organismo. E allora come cercare di arginare questi inconvenienti? Una alimentazione mirata può essere molto di aiuto per superare indenni questo periodo: ecco i 6 alimenti più indicati contro gli effetti dell’ora solare.

Torna l’ora solare, attenzione a non dormire troppo

Questa notte riporteremo, tornando all’ora solare, le lancette indietro di un ora. Ma attenzione a non indugiare nel sonno se questo non avviene in condizioni ottimali. Potrebbe rivelarsi deleterio e fonte di radicali liberi dannosi per il nostro organismo.

Meno infarti con l’ora solare?

Meno infarti con l’ora solare? Sembrerebbe proprio di sì, almeno per ciò che riguarda il primo lunedì subito dopo la sistemazione delle lancette. Ad occuparsi di questo tema ed a darci spiegazioni in merito ci ha pensato uno studio del Karolinska Institute di Stoccolma,  secondo il quale il cambio di orario e la conseguente ora di sonno in più potrebbero avere un ruolo chiave nella diminuzione del numero di infarti del 10%.

Torna l’ora solare, come evitare i disturbi del sonno

Questo fine settimana torna l’ora solare. C’è di buono che dormiremo di più visto che si spostano le lancette indietro di 1 ora, ammesso che si riesca davvero a riposare. Il cambiamento d’orario, infatti, causerà qualche piccolo disagio soprattutto ai bambini. Come fare, allora, per evitare i disturbi del sonno? Dagli esperti americani del riposo arrivano i consigli per rendere questo passaggio il più dolce possibile.

Ora solare, gli alimenti giusti contro l’insonnia e i malumori

Con l’arrivo dell’ora solare, la difficoltà a prendere sonno e il malumore sono dietro l’angolo. Spostare le lancette di 1 ora in dietro, infatti, ci permetterà di riposare di più, tuttavia, il risvolto della medaglia è che farà buio prima e questo cambiamento scombussola le nostre abitudini. Ma la “cura” contro lo stress, comincia dalla tavola, ci sono alimenti, infatti, come riso, pasta e latte, che sono alleati del benessere.

Arriva l’ora solare: attenti a mal di testa e senso di stanchezza

Ci risiamo, nel week end, nella notte tra sabato e domenica , le lancette dei nostri orologi dovranno tornare indietro di 60 minuti. E’ infatti arrivato il momento del ritorno all’ora solare che ci abbandonerà solo a Primavera, il 25 Marzo. In tutto ciò c’è un’amara buona notizia: dormiremo un’ora in più in quel fine settimana. Amara perché comporta conseguenze spiacevoli il nostro benessere psico-fisico. Benché sembri un minimo cambiamento, per il nostro organismo rappresenta invece uno scoglio bello e buono da superare, certo non per tutti, ma comunque per una discreta fetta di popolazione.

Ora solare, latte e riso contro jet lag da cuscino

Il 31 ottobre torna l’ora solare, in vigore fino al 27 marzo prossimo: nella notte tra sabato e domenica (questa notte, per intenderci), alle 3:00 a.m. dovremo spostare le lancette di un’ora indietro.
L’ora civile convenzionale è adottata da molti Paesi in inverno per risparmiare sul consumo di elettricità, sfruttando la luce diurna.

Interpellati da Coldiretti Lombardia, gli esperti del Centro di Medicina del sonno del San Raffaele di Milano consigliano, per evitare passaggi troppo bruschi, effetti sulla salute e prevenire quella che definiscono la sindrome da jet lag da cuscino, un’alimentazione che comprenda alimenti capaci di agire come regolatore del ritmo del dormiveglia.

Ora solare, gli effetti sulla salute

Ritorna l’ora solare. Nella notte tra sabato 30 e domenica 31 ottobre dovremo spostare indietro di un’ora le lancette dell’orologio. Un provvedimento che a primo impatto può sembrare positivo (dormiamo un’ora in più), ma che può avere effetti sulla salute, da lievi a gravi, fino ad incorrere nel disturbo affettivo stagionale.

Non tutti ne soffrono, anche se sono in molti ad essere predisposti a questa condizione. La differenza di un’ora, seppur minima, può creare infatti gli stessi problemi del cambiamento di fuso orario, dato che i ritmi del corpo vengono modificati. Gli effetti più comuni sono sull’umore, e possono portare dalla difficoltà ad alzarsi dal letto al malessere, dall’astenia (riduzione della forza muscolare), fino alla vera e propria depressione “autunnale”.