Fangoterapia per la cura di cellulite e reumatismi

La fangoterapia combina gli effetti benefici del calore e le proprietà curative del fango termale, che viene applicato direttamente sulle zone da trattare ad una temperatura di 45°-48°C. Questo tipo di trattamento utile per le sue capacità antinfiammatorie ed è consigliato per la cura delle patologie dell’apparato osteo-articolare, le malattie reumatiche e la cellulite.

Sabbiature per l’artrosi: come funzionano

Le sabbiature sono un rimedio molto antico contro i reumatismi e le affezioni osteo-articolari. In realtà si tratta di una terapia multifunzionale, in quanto riunisce l’effetto benefico del calore prodotto dalla sabbia a quello dei Sali minerali disciolti nel mare, ma che restano attaccati ai granelli di sabbia. Vediamo meglio come funzionano.

Contro le rughe un anti-age naturale, il pregnenolone

Il pregnenolone è un anti-age naturale che deriva dal colesterolo ed è un’arma preziosa contro le rughe. Le sue funzioni nell’organismo, non sono ancora del tutto note, tuttavia si sa che è il precursore principale di tutti gli ormoni steroidei, compresi il DHEA (precursore degli steroidi sessuali), gli estrogeni, il testosterone, il cortisolo (l’ormone dello stress), l’aldosterone ed il progesterone.

Bere quattro bicchieri di latte al giorno riduce il rischio fratture

Bere quattro bicchieri di latte al giorno riduce del 72% il rischio di fratture. A dimostrarlo uno studio internazionale coordinato dall’università di Zurigo e dalla scuola di medicina di Darthmouth, i cui risultati sono stati anticipati sul prestigioso quotidiano parigino Le Figaro, presentato in occasione del Congresso europeo annuale di reumatologia (Eular) che si tiene in questi giorni proprio nella bellissima capitale francese.

Lo studio ha coinvolto 930 persone tra i venti e gli ottanta anni, tutte in buone condizioni di salute. Il campione è stato suddiviso in due gruppi: ad uno sono stati somministrati 1.200 milligrammi di calcio al giorno (equivalenti a quattro bicchieri di latte) tutti i giorni per quattro anni, agli altri un placebo. Mentre nel primo gruppo si è verificato un solo caso di frattura all’anno, nel secondo i casi sono stati ben 14.