Tumori urologici, gli uomini non fanno prevenzione

Si definiscono tumori urologici e sono quelli che colpiscono prostata, testicoli, vescica e rene. Gli uomini però non fanno prevenzione e molto spesso ecco che la malattia viene diagnosticata in fase avanzata. Proprio per sensibilizzare sull’importanza di sottoporsi a esami di routine per una pronta diagnosi dei tumori urologici, ha lanciato oggi un nuovo portale, il primo interamente dedicato alle neoplasie urologiche (www.tumorigenitourinari.net).

Tumore testicoli in aumento tra i giovani?

Aumentano, purtroppo, i casi di tumore ai testicoli nei giovani e la percentuale è maggiore nel Nord dell’Italia. Carlo Foresta, professore dell’università di Padova, che illustra i risultati dell’ultimo studio della Fondazione Foresta di Padova, illustra ad AdnKronos il quaro generale:

Tumore al testicolo e diagnosi

Come si fa la diagnosi di un tumore al testicolo? Questa forma di neoplasia si riscontra in seguito a controlli che vengono effettuati di routine o più comunemente in seguito a sintomi particolari (come un gonfiore anomalo) o ad analisi fatte per altre condizioni come l’infertilità. Il primo step è sicuramente quello di una visita clinica con uno specialista in andrologia o urologia.

Beta-hcg valori alti nell’uomo, cause?

Beta-Hcg alti nell’uomo? Quali cause? Siamo abituati a pensare alla Beta -Hcg (ovvero alla gonadotropina corionica umana) solo ed esclusivamente in relazione alla gravidanza di una donna: più sono alti i valori e maggiore è la conferma della gestazione. Tuttavia questo ormone, in livelli bassi è fisiologicamente presente anche negli uomini e nelle donne non incinte! Quando i valori di Beta-hcg nell’uomo si alzano, possono significare una patologia di base. Ma vediamo nel dettaglio.

5 tumori curabili che non ti aspetti e sopravvivenza

La parola cancro non è più sinonimo di morte certa. Molti tumori sono ormai curabili, grazie alla diagnosi precoce e alle nuove terapie sempre più mirate (e con minori effetti collaterali). Va detto che non ci sono certezze, si può parlare di statistiche di sopravvivenza, molto dipende anche dalle condizioni generali di salute del paziente e della sua risposta alle terapie, ma oggi si possono decisamente avere più speranze che in passato, specie per alcune neoplasie come il tumore alla prostata, quello meno comune ai testicoli, alla tiroide, il temuto melanoma ed il big killer delle donne, il tumore al seno. Molti medici più che di cura e guarigione preferiscono parlare di “remissione” del cancro, lasciando aperta la possibilità che il tumore possa tornare. In generale, si parla comunque di sopravvivenza a 5 anni in quanto, dopo questo periodo è raro che ci siano recidive. Vediamo nel dettaglio i tumori curabili e la loro sopravvivenza.

 

Metodo Hamer contro i tumori, in cosa consiste?

Metodo Hamer contro i tumori, in cosa consiste? Quasi ogni giorno nuove teorie e proposte vengono lanciate come cura contro le principali neoplasie. Vediamo in cosa consiste questa “tecnica” appena descritta e quanto possa essere considerata affidabile.

Seminoma

Seminoma

Il seminoma è un tumore ai testicoli: una neoplasia maligna che nasce dalle cellule germinali delle gonadi maschili adibite alla produzione degli spermatozoi. Si tratta della forma di cancro genitale più diffuso tra gli uomini.

Carcinoma testicolo sinistro e linfonodi

Richiesta di Consulto Medico
Buongiorno, sono stato o lo sono ancora affetto da un carcinoma al testicolo sx, ho effettuato sia l’intervento chirurgico e sia 2 cicli di PEB, e dalla tac e dalla Pet effettuata , il risultato è che molti linfonodi che erano presenti prima dei cicli di PEB sono scomparsi (la pet dava come suv max su alcuni 4), mentre i linfonodi residui (loggia barety suv max 2.8 e sottocarenali suv max 2.9 , laterocervicali sempre ritenuti aspecifici suv max 2.7), l’ultima PET ha inoltre ha evidenziato accumulo aspecifico del radiofarmaco sulla rinofaringe posteriore (suv max 8.1), adesso mi chiedo i linfonodi sono realmente di patologia tumorale oppure di natura infiammatoria? Cosa si intenda per aspecifico? Ho effettuato una visita dall’otorinolaringoiatra e secondo lui non c’è nulla da preoccuparsi e che comunque sarebbe necessaria una biopsia visto la mia situazione generale. Cordiali saluti e grazie per la vs eventuale risposta.

 

Mancata discesa dei testicoli: colpa di un gene?

La mancata discesa dei testicoli (uno od entrambi) alla nascita, conosciuta sotto il nome di criptorchidismo, potrebbe essere causata da un gene. Questo disturbo, che colpisce tra il 2 ed il 3% dei neonati, per non causare conseguenze in età adulta deve essere curato velocemente.

Tumore ai testicoli, diagnosi con il test di gravidanza?

Un semplice test per la gravidanza potrebbe rivelare se un uomo è affetto dal tumore ai testicoli. La scoperta fa seguito ad un caso realmente accaduto. Come si legge in un comunicato dell’American Cancer Society (ACS) un ragazzo ha utilizzato uno di questi test predittivi per scherzo ed è risultato positivo, scoprendo di avere così un cancro testicolare.

Cancro, in Italia si guarisce di più ma aumentano i casi

Cala la mortalità ma crescono i casi di tumore. E’ questa la tendenza che si palesa dai dati raccolti dal primo censimento ufficiale ( ed in tempo reale) riguardante questa malattia, condotto dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e dell’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), le quali hanno presentato, in presenza del Ministro della Salute Renato Balduzzi il volume “I numeri del cancro in Italia 2011”.

Marijuana fattore di rischio peggiore per gli adolescenti

Saranno in molti che, come al solito, protesteranno portando come argomentazione che fumare uno spinello non ha mai ucciso nessuno, e forse questo è vero, ma di certo la marijuana, così come il fumo di sigaretta, aumenta il rischio di contrarre numerose patologie, tra cui il tumore ai testicoli.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Cancer, si basa su uno studio americano effettuato al Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle (Usa) su 369 persone, tutte ammalate di cancro ai testicoli, confrontate con 1000 persone sane. Le persone analizzate andavano dai 18 ai 44 anni, ed il confronto veniva effettuato in base all’età. Dalla ricerca è stato dimostrato come coloro che avevano fumato durante l’adolescenza erano più esposti al tumore ai testicoli, verificatosi il doppio delle volte nei fumatori rispetto ai non fumatori.

Più pericolosi i tumori a pancreas e fegato, si rischia di più al Sud Italia

In Italia convivono con un tumore 1 milione e 800 mila persone. Se il numero dei nuovi casi è destinato ad aumentare – dai 250 mila stimati per il 2008 ai 270 mila previsti per il 2010 – la mortalità conferma la flessione. Oggi la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi – come certificato da recenti statistiche – è in media del 55%. Inutile dire che molte delle possibilità di maggiore o minore longevità dipendono dal tipo di tumore, dallo stadio in cui viene portato alla luce e dal sesso del paziente.