Troppo testosterone rovina le famiglie

di Redazione 1

La saliva di un uomo può indicare che tipo di padre e marito sarà. Nelle società poligame, gli uomini con alti livelli di testosterone nella saliva hanno più probabilità di prendere più mogli e dedicare ai loro figli meno attenzione, rispetto a quelli con minor produzione di ormoni sessuali.

Il nuovo studio effettuato tra gli abitanti di un villaggio rurale del Senegal si aggiunge al lavoro precedente, sottolineando il ruolo fondamentale del testosterone nell’accoppiamento e nel ruolo genitoriale. Gli alti livelli di testosterone sono stati collegati ad una maggiore attività sessuale, all’infedeltà e al conflitto coniugale. Tuttavia, dopo che gli uomini diventano padri, i loro corpi in genere cominciano a produrre meno ormoni.

Questo è buono per noi, così siamo in grado di adattarci alle sfide sociali molto rapidamente

spiega Alexandra Alvergne, antropologa presso l’Università di Montpellier, in Francia, e dell’Università di Sheffield, Regno Unito, che ha condotto lo studio.

Per sapere se la connessione tra testosterone, accoppiamento e ” genitorialità” si applica anche nelle società in cui gli uomini possono avere più mogli, Alvergne ha misurato i livelli di testosterone in 21 padri poligami, 32 padri monogami e 28 uomini non sposati senza figli, tutti residenti nei villaggi senegalesi. Ha chiesto anche alle rispettive mogli quanto tempo e denaro il loro marito concedeva alla famiglia.

Non importa quante mogli avevano, i padri avevano più bassi livelli di testosterone degli uomini single, in media. Tra i padri, quelli con più testosterone tendevano ad investire meno tempo per le loro mogli e i loro figli. Gli uomini poligami di età inferiore ai 50 anni producevano più testosterone rispetto agli uomini monogami, in media. Gli uomini anziani con più di una moglie invece avevano meno ormoni sessuali degli altri uomini. Mentre gli uomini più anziani possono produrre meno testosterone, in genere godono di maggior prestigio nei loro villaggi, il che potrebbe rendergli più facile il compito di trovare diverse mogli.

Penso che le prove che il testosterone c’entri con l’accoppiamento e l’essere genitori negli esseri umani, si stanno accumulando

dice Peter Ellison, antropologo dell’Università di Harvard. La genetica gioca un qualche ruolo nel determinare la paternità di quanto gli uomini producono testosterone, ma la cultura e altri fattori modificano i suoi livelli nel corso della vita. Spiega ancora Ellison che:

Se hai un bambino piccolo, di cui sei responsabile, andrebbe veramente bene ridurre il livello di testosterone. Non solo è meno probabile che ci si dimentichi del bambino e che si sviluppino altre possibilità di accoppiamento, ma questo porterebbe anche ad una maggiore calma.

Mentre non è ancora chiaro esattamente come la paternità temperi i livelli di testosterone, Ellison e altri ritengono che il comportamento paterno alimenti il sistema endocrino e stabilisca i livelli naturali.

[Fonte: Newscientist]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>