Vacanze: l’importanza del riposo e della giusta scelta

di Cinzia Iannaccio 1

Durante le vacanze si cerca di fare tutto ciò che non si è riusciti a portare a termine durante l’anno:  riposo, divertimento, sport, amicizia. In ogni scelta esiste comunque una parola chiave che è “relax”, magari anche solo mentale. Recuperare energie, avere del tempo da dedicare a se stessi e al proprio hobby, scaricare la tensione con un massaggio o una lunga nuotata, ma anche con un viaggio culturale alla scoperta di nuovi mondi, servono a combattere quella che è la malattia del secolo nei paesi occidentali: lo stress.

Liberare la mente dai soliti impegni di routine è fondamentale per prevenire tante patologie che questo comporta: dall’insonnia alla stitichezza, fino all’ansia e alla depressione. Lo stesso vale per ciò che riguarda l’organismo dal punto di vista strettamente fisico: sappiamo che il sonno perso non si recupera mai, ma ogni tanto farsi una buona dormita aiuta a far funzionare meglio neuroni e muscoli. Non a caso una ricerca appena pubblicata sulla rivista “The Sleep” ha evidenziato come per una buona prestazione atletica servano almeno 10 ore di sonno (qui)! La stanchezza fisica inoltre indebolisce il sistema immunitario e ci rende dunque più vulnerabili a batteri e virus. Dunque quale è il segreto per fare una buona vacanza?

Prima di tutto non farsi condizionare troppo dai gusti altrui, ovviamente valutando il contesto familiare. E’ chiaro che se nel periodo delle ferie si vuole scalare l’Everest, non si può pensare di farlo con dei bambini, né tantomeno senza la dovuta preparazione atletica. A questo proposito va ricordato di non eccedere con l’attività sportiva, specie nelle ore più calde e se non si è abituati. Se la vostra quotidianità vi costringe a parlare con tante persone ogni giorno e non ne potete più, optate per un luogo riservato ed esclusivo per passare la vostra vacanza, evitate i villaggi e le spiagge affollate, o viceversa se invece durante l’anno non vedete mai nessuno e vi si sentite soli.

Scegliete bene i compagni di viaggio e se amate la vita notturna …..attenzione, cercate almeno di recuperare un pochino di ore di sonno la mattina evitando di addormentarvi in spiaggia sotto il sole! Un sondaggio appena reso noto, realizzato dall’Eurodap (Associazione Europea  Disturbi da attacchi di Panico) conferma tutto ciò. La presidente dell’Associazione Paola Vinciguerra psicologa e psicoterapeuta spiega:

“la vacanza è un momento da scegliere con cura, non si deve sbagliare: da momento di riposo rigenerante, fondamentale per risolvere stanchezza e stress, può diventare causa di molto nervosismo. Tornare alla quotidianità insoddisfatti del periodo di vacanze può indurre a frustrazione e a comportamenti compensativi come il mangiare di più, ma soprattutto a disagio ed ulteriore stress che porteranno cattivo umore e depressione”.

Suggerimenti specifici? Sul nostro blog Goolliver.com.

Commenti (1)

  1. La vacanza riposo è sicuramente la cosa migliore. Almeno una decina di giorni in un anno bisogna “staccare la spina” e semplicemente riposarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>