Home » MEDICINA TRADIZIONALE » Oncologia » Adenocarcinoma polmonare, oncologo spiega referto tac

Adenocarcinoma polmonare, oncologo spiega referto tac

Richiesta di Consulto Medico
Salve dottore, potrebbe farmi capire meglio questo referto di mia mamma (52 anni-adenocarcinoma polmonare trattata con chemioterapia)? encefalo: non si evidenziano alterazioni tomodensitometriche a carico del parenchima cerebrale e del parenchima cerebellare. Il sistema ventricolare ha regolari dimensioni e morfologia. Le strutture della linea mediana sono in asse…..

…..gli spazi subaracnoidei della base e della convessità sono conservati. TORACE Non si apprezzano variazioni a livello degli addensamenti parenchimali già segnalati al lobo inferiore destro al segmento latero-basale in sede sovradiaframmatica, ai segmenti basali del lobo inferiore sinistro cui residuano. ulteriore minima riduzione dimensionale dei linfonodi patologici in sede mediastinica, il maggiore in atto con diametro massimo di quasi 2cm in sede intertracheobronchiale destra.”tac addome: ispessimento peritoneale alla pelvi ed all’ipocondrio destro, alterazione di nuova osservazione e di probabile origine neoplastica; si associa modesto versamento allo scavo pelvico. Ad S2 ed S7 due formazioni ovalari a margini netti con diametro massimo rispettivamente di 2,5 cm e di 1,2 cm circa, ipovascolari, di nuova osservazione e quindi molto sospette per secondarismi.

Non significative alterazioni a carico di milza, pancreas, surreni , reni e vescica. Colecisti distesa a pareti regolari. Non ectasia delle vie biliari intra ed extraepatiche. Vena porta ed affluenti pervi e di regolare calibro. Centimetrico miofibroma intramurale al fondo dell’utero. Nei limiti gli annessi. Non linfoadenomegalie. Alcuni piccoli trombi ne lume di vena cava inferiore e vena iliaca comune destra, poco più grandi rispetto al controllo precedente. Al soma di D9 in sede posteriore area iperdensa di 1,2 cm, sospetta per secondarismo osseo, invariata.

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema adenocarcinoma polmonare

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

“Gentile Utente, la TC trascritta descrive la presenza di patologia neoplastica a livello polmonare e mediastinico (in particolare linfonodi nel mediastino, che è lo spazio compreso tra i due polmoni). Vi è una segnalazione da parte del Collega radiologo a livello del peritoneo sospetta per ulteriore localizzazione di malattia. Ulteriori nodulazioni paravertebrali ed a livello d9 (vertebra dorsale). Inoltre leggo di una problematica vascolare (piccoli trombi in vena cava inferiore e vena iliaca comune destra). A mio avviso è necessario nuovo videat (visita con specialista ndr) oncologico per rivalutazione terapeutica e videat vascolare per terapia anticoagulante. Cari saluti Dott. Carlo Pastore, oncologo”.

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Carlo Pastore

 

Leggi anche:

Tumore al polmone e metastasi, Tarceva funziona?

Carcinoma polmonare non a piccole cellule

Carcinoma polmonare a piccole cellule

 

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

 

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento