Tumore stadio IIIb che significa?

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
Buonasera dottore, mia madre è stata operata di isterectomia totale l’8 novembre, a distanza di circa 1 mese ci è arrivata la risposta dell’Istologia, dove viene diagnosticato lo stadio patologico pT3b pN1 III b. Da quello che ho letto sui siti, il tumore si è esteso alla cervice, ma non fuori dall’utero, giusto? Perchè andando a consulto da un secondo oncologo mi ha detto che il tumore  è esteso? Vedendo solo l’esame istologico? Possono sbagliare un esame che dovrebbe dare certezze? Grazie

 

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Esame istologico e stadiazione

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Sig.,  uno stadio IIIb configura l’invasione della vagina e/o del parametrio. Direi inoltre che il giudizio del Collega riguardo l’estensione è dato anche dal parametro N1 cioè dal coinvolgimento linfonodale. La condizione descritta merita una terapia adiuvante. Cari saluti Dott. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

Leggi anche:

Tumore della colecisti, stadiazione: è operabile?

Tumore all’utero, chemioterapia e perdite vaginali: l’oncologo risponde

 

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

 

Photo Credits | Designua / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>