Home » MEDICINA DELL'ALIMENTAZIONE » Alimentazione e prevenzione » Dimagrire guardando le foto delle torte

Dimagrire guardando le foto delle torte

Molto spesso guardare l’immagine di un cibo che piace fa venire l’acquolina in bocca e il nostro primo impulso, se lo avessimo di fronte, sarebbe quello di assaggiarlo. Succede spesso sfogliando riviste di cucina che venga il desiderio proprio di quella pietanza e così, chi è attento alla linea, per non avere tentazioni, cerca di non vedere nemmeno le immagini dei piatti più gustosi.

Secondo una ricerca svolta in Olanda, invece, guardare le fotografie delle torte aiuterebbe addirittura a dimagrire. Si tratta di una scoperta  singolare, pubblicata anche su “Appetite”, che di sicuro piacerà ai più golosi che hanno maggiore difficoltà a resistere di fronte una bella fetta di torta.

Il richiamo del cibo può essere a volte molto forte e così concedendosi qualche strappo di troppo al regime alimentare solito si rischia di accumulare qualche chilo in più. Bisogna così cercare di resistere alle tentazioni e, secondo lo studio condotto presso l’Università di Utrecht, basterebbe guardare una fotografia che ritrae l’oggetto del desiderio per placarne la voglia. Quello che sembra un controsenso è in realtà quanto ha rivelato la ricerca svolta dalla psicologa Floor Kroese.

L’analisi è stata condotta su 54 donne, suddivise in due gruppi, alle quali è stata mostrata un’immagine di una torta (primo gruppo) e di un fiore (secondo gruppo).  Dopo un colloquio sulle proprie abitudini alimentari, alle partecipanti è stato chiesto se scegliere una fetta di una gustosa torta o sgranocchiare un biscotto di avena. Di fronte tale scelta, colo che avevano guardato l’immagine del dessert hanno optato per un più salutare biscotto, mentre le volontarie che avevano fissato il fiore hanno preferito mordere la torta.

“Utilizzare immagini per stimolare il cervello è una scelta davvero intelligente − spiega la psicologa Quilliam, co-autrice del progetto perché vedere la foto di un cibo squisito fa suonare un campanello di allarme che ricorda alla parte del nostro cervello responsabile delle scelte la differenza tra cibi “buoni” e cibi “cattivi””.

E così fissare una torta ci farebbe ricordare che stiamo per concederci un peccato di gola che forse potremo risparmiare per preservare la linea, anche se, in alcuni casi, potrebbe davvero non esserci foto che tenga!


Lascia un commento