Vaccino antinfluenzale obbligatorio in Gran Bretagna

di Valentina Cervelli 8

Lo stanno dimostrando in questi giorni anche le Olimpiadi di Londra 2012: il sistema immunitario umano se sollecitato da determinati agenti patogeni non è in grado di opporre adeguata resistenza. Il virus dell’influenza è quello più temuto e più diffuso in Gran Bretagna. Non stupisce quindi che il Governo, di concerto con il ministero della Salute inglese, abbia deciso di rendere obbligatoria la vaccinazione antinfluenzale.

Per i giovani al di sotto dei 17 anni. Secondo i calcoli effettuati dal segretario alla Salute Andrew Lansley, il programma di vaccinazione coinvolgerà almeno nove milioni di persone per un totale economico di circa 100 milioni di sterline, somma più bassa di quella che ogni anno viene spesa per l’ospedalizzazione dei malati o il loro decesso. I dati sono stati raccolti da una commissione indipendente, non legata in alcun modo al mondo delle case farmaceutiche. Pensando ai minori, è stata scelta una soluzione molto pratica: si userà il vaccino sotto forma di spray nasale, il quale risulta essere maggiormente efficace di quello tradizionale, anche se al momento non sono ancora disponibili all’utilizzo quantità più ampie.

Un approccio di questo genere, che potrebbe essere rinviato al 2014 per riuscire ad avere tutte le dosi di vaccino necessario, secondo i ricercatori dell’Imperial Collega di Londra porterebbe non solo alla protezione dei bambini dall’influenza, ma favorirà la riduzione del contagio in linea generale, proteggendo automaticamente anche i soggetti che si trovano più a rischio.  I dati parlano chiaro: con una simile campagna si potrebbero ridurre i casi d’influenza del 40% risparmiando 11mila ricoveri e 2mila morti. Numeri sui quali riflettere.

Purtroppo in Italia, l’applicazione di un piano del genere sembra essere impossibile in base a ciò che raccontano i maggiori esperti del settore. Che si dividono a metà: c’è chi rigetta l’idea perché poco pratica e inutile perché i giovani rispondono meglio al virus, e chi al contrario la esalta, soprattutto in virtù dei nuovi ceppi influenzali in circolazione. Quel che è sicuro è che la polemica non si sederà tanto presto.

British Department of Helath

Photo Credit | Thinkstock

Commenti (8)

  1. Peccato che non sia obbligatorio anche in italia? Mille di questi vaccini all’autore di questo articolo.

    1. @aleximon: Che risposta del menga. Argomentare, prego. Oppure tacere. Grazie

    2. @aleximon:
      Di grazia, cosa non ti piace? I dati che ho inserito? Sono quelli ufficiali. Oppure la riflessione? Personalmente penso che una cosa del genere dovrebbe accadere anche qui. Sarò lieta di disquisire di qualsiasi cosa, anche refusi che posso aver commesso nel comporre l’articolo. Il resto è fuffa, e non perderò assolutamente altro tempo nel rispondere a provocazioni inutili.
      Ti auguro una buona giornata.

      PS: per le donne forti e con parlatina estesa non esiste vaccino 😀

  2. ma hitler e i fascisti non apartenevano al passato?vaccinazioni obbligatorie un cavolo!la truffa l avete tentata con la suina ed è andata fallita ora in italia qualuncuqe vaccino saranno soldi buttati xche nessuno ne vuole

  3. e complimenti a questi siti di propaganda, cosa vi passano per pubblicare immondizia del genere

  4. E la libertà di scelta che fine fa, se auspichiamo le vaccinazioni obbligatorie? Il terzo reich è caduto ma il suo fantasma si aggira sempre per il mondo e di quando in quando si fa vedere di nuovo…

    1. @fcapretta:
      E’ un problema politico quindi? Noi riportiamo ciò che succede nel mondo dal punto di vista medico. Studi, novità del settore. Ora capisco.

      Trovo cmq molto divertente che abbiate dato della fascista a me che son di tutt’altro credo politico :D. Sito di propaganda questo? Spero stiate scherzando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>