Home » MEDICINA DELL'ALIMENTAZIONE » Alimentazione e prevenzione » Apnea ostruttiva del sonno, si cura con la dieta mediterranea e l’esercizio fisico

Apnea ostruttiva del sonno, si cura con la dieta mediterranea e l’esercizio fisico

La dieta mediterranea, in combinazione con l’esercizio fisico, può contribuire a ridurre i sintomi dell’apnea ostruttiva del sonno, un disturbo molto più diffuso di quanto non si sospetti, tuttavia se non trattato in modo adeguato può avere ripercussioni negative non solo sulla qualità del sonno, ma anche sulla salute.

L’apnea ostruttiva del sonno (OSAS, dall’inglese: Obstructive Sleep Apnea Syndrome), è la forma più frequente e fastidiosa di disturbo respiratorio del sonno, e si stima colpisca circa il 2-4% della popolazione adulta, una percentuale che tende ad aumentare del 20-40% nelle persone in sovrappeso o obese. Questo disturbo è caratterizzato da russamento, episodi ripetuti di restringimento parziale o completo delle prime vie aeree, comparsa di sonnolenza diurna e/o alterazione delle prestazioni.

Uno studio condotto di recente, pubblicato sulla versione online dell’European Respiratory Journal, ha voluto verificare l’impatto della dieta mediterranea, abbinato all’esercizio fisico, sull’apnea del sonno nelle persone obese o in sovrappeso, mettendola poi a confronto con una dieta controllata. Inoltre, tutti i partecipanti del test, 40 in totale, suddivisi in 2 gruppi, hanno aumentato la propria attività sportiva, camminando per almeno 30 minuti al giorno.

Durante il periodo di follow-up tutti i partecipanti potevano anche avvalersi dell’ausilio della mascherina che mantiene aperte le vie aeree superiori durante il sonno. I pazienti, sia prima che dopo lo studio, sono stati attentamente monitorati mentre dormivano con la polisonnografia: un sistema di controllo che include diversi marcatori per l’OSAS, tra cui l’attività elettrica del cervello, i movimenti oculari e il russare. Dai risultati, è emerso come i pazienti del gruppo della dieta mediterranea avessero beneficiato di una riduzione dei sintomi durante la fase REM, che rappresenta circa il 25% del tempo totale di sonno.

Nonostante i miglioramenti nei sintomi dell’apnea ostruttiva del sonno, non vi è stato un miglioramento complessivo della gravità della condizione. Per questo motivo, i ricercatori ritengono che servano ulteriori studi di approfondimento per capire meglio la relazione tra dieta mediterrannea e questo tipo di sindrome.

http://www.medicinalive.com/malattia/apnea-ostruttiva-del-sonno/

Lascia un commento