Trovato nuovo collegamento batteri-obesità

di Redazione 0

Una ricerca statunitense getta nuova luce sul ruolo che i batteri nel tratto digestivo possono svolgere nell’obesità. Gli studi, che sono stati presentati alla 110a Assemblea generale della Società Americana di Microbiologia, dipingono un quadro che può essere più complesso di quanto inizialmente pensato.

I lavori in corso suggeriscono che una interazione tra fattori genetici e la composizione dei batteri che vivono nell’intestino umano può predisporre alcuni individui verso l’obesità. Questi risultati potenzialmente approfondiscono la conoscenza dei meccanismi attraverso i quali la genetica può predisporre alcune persone all’obesità. Essi potrebbero anche contribuire a spianare la strada verso un futuro in cui lo screening genetico, in combinazione disposta con trattamenti su misura, potrebbe aiutare le persone a rischio per l’obesità di mantenere un peso sano

dice Margaret Zupancic, dell’Istituto di Scienze del Genoma presso l’Università di Maryland School of Medicine, che ha presentato uno degli studi. Zupancic e colleghi hanno analizzato la comunità batterica intestinale degli individui magri e obesi appartenenti al vecchio ordine Amish di Lancaster County, Pennsylvania, una popolazione relativamente omogenea, con somiglianze sia per la genetica che per lo stile di vita. Inizialmente non hanno trovato alcuna correlazione tra la composizione dei batteri intestinali e l’obesità, ma quando presi in considerazione nel patrimonio genetico dei partecipanti, alcuni modelli hanno cominciato ad emergere.

Un modello era una correlazione statisticamente significativa tra una variante del gene FTO (un gene associato all’obesità) del paziente e la presenza di alcuni gruppi di batteri nel tratto digestivo. I ricercatori hanno anche scoperto che nelle persone con determinate varianti genetiche nei geni del recettore del gusto, un basso livello di diversità batterica nell’intestino era correlato con un maggiore probabilità di obesità, mentre un alto livello di diversità era correlato con un rischio inferiore di obesità.

Mentre questo lavoro è ancora in una fase relativamente precoce, i risultati di questo tipo potrebbero portare ad applicazioni come i trattamenti antibiotici o probiotici per l’obesità che potrebbero essere individualizzati sulla base della genetica unica e dell’attività microbica dell’intestino della persona

conclude Zupancic. Un altro studio del Fred Hutchinson Cancer Research Center ha analizzato i microbi intestinali delle donne tra i 40 e i 45 anni di età. I ricercatori hanno trovato una correlazione positiva tra la popolazione di uno specifico tipo di batteri, Bacteroidetes, e la percentuale di grasso corporeo nelle partecipanti.

Non tutte le ricerche presentate alla riunione hanno trovato differenze nelle popolazioni di batteri nell’intestino e l’obesità. Uno studio, concentrandosi in particolare sui bambini e l’obesità infantile, ha omesso di individuare differenze significative nelle comunità microbiche nell’intestino di obesi e bambini normopeso. I ricercatori hanno poi analizzato la capacità dei microbi di estrarre e convertire l’energia alimentare, ed hanno trovato più alti livelli di acidi grassi a catena corta nelle feci dei bambini obesi.

Questo suggerisce che, anche se i bambini obesi o normopeso hanno comunità microbiche intestinali simili, i microbi intestinali nei bambini obesi sono più efficienti nel convertire i substrati alimentari in energia

aggiunge Amanda Payne dell’Istituto di salute e nutrizione ETH di Zurigo, Svizzera. Gli acidi grassi a catena corta sono convertiti in trigliceridi e glucosio dal fegato, un processo che si stima fornisca un ulteriore 10% dell’energia alimentare. L’aumentata produzione di acidi grassi a catena corta dai microbi intestinali nei bambini obesi potrebbe fornire energia in modo più dietetico, con conseguente aumento di peso.

Mentre l’importanza di una dieta equilibrata ed esercizio fisico regolare non dovrebbe essere scontata, i nostri risultati possono contribuire allo sviluppo di nuovi approcci per il trattamento dell’obesità infantile modulando la composizione e l’attività del microbiota intestinale al fine di ridurre l’estrazione di energia dal cibo non digerito

conclude Payne.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>