Lipotimia (debolezza) a causa di una malattia metabolica?

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
Salve sono un ragazzo di 18 anni. Vi ho scritto nella speranza che possiate darmi una risposta dato che finora nessun dott. si è capacitato dei miei malesseri che durano 40minuti. Fin dall’età pediatrica ho manifestato episodi di lipotimia (improvvisa debolezza ndr) in occasione di attività sportive o in ambienti caldi. Sono stato valutato dai medici del pronto soccorso i quali mi hanno rilevato: un aumento di battiti cardiaci, nella norma i valori della pressione sistolica e diastolica e ottime le condizioni di ossigenazione eseguiti con test emogasanalisi arteriosa. Inoltre avverto in episodi di lipotimia un dolore in fossa iliaca dx, labbra cianotiche ,mal di testa forte (da prendere poi tachipirina), conati di vomito, vista annebbiata, ansia, astenia, aumento del battito cardiaco, confusione, debolezza,ipersudorazione, sonnolenza, stordimento, svenimento e tremore. Solitamente dopo aver camminato a passo svelto o sotto stress. …….

…….Sono stati eseguiti accertamenti cardiologici con elettrocardiogramma dinamico secondo HOLT che[………]hanno rilevato una positività al Head Up Tilt Table Test per risposta “mista” (vasodepressiva+cardioinibitoria) con diagnosi di “sincope vasovagale”. […………] Data la splenomegalia della milza di volume 15cm rilevata con ecografia, nel Settembre 2014 mi è stato diagnosticato dal reparto di ematologia: Policitemia Vera JACK2 (V617F) con una carica allelica pari a 24% (basso rischio) per cui sono in trattamento con cardioaspirina (una volta al giorno) e salasso terapia e ricerche per trombofilia hanno rilevato omozigosi per fattore V Leiden. […….] ho  ipovitaminosi (“25 OH Vitamina D” <4,2 ng/mL), sindrome di Gilbert e celiachia genetica (allele DQ7). [……………………..] Sono stato visitato presso il reparto di endocrinologia dal Prof. e in base ai malesseri lipotimici durante uno sforzo fisico, in ambienti caldi o una semplice camminata veloce, il Prof ha richiesto: ACTH, cortisolo plasmatico, TSH e il test OGTT (test da carico glicemico -75 gr. di glucosio) al fine di monitorare se gli svenimenti miei sono dovuti a una IPOGLICEMIA REATTIVA.

 

Gli esami relativi alla curva glicemica hanno rilevato una IPOGLICEMIA REATTIVA e gli altri esami relativi al cortisolo e all’ormone adrenocorticotropo (ATCH) sono risultati nella norma. Invece la Tireotropina (TSH) è risultata poco più alta della media 4.30 mU/L. Dato il valore leggermente elevato del TSH, il Prof. ha richiesto i seguenti esami: TGAb (anticorpi tiroidei contro la tireoglobulina), TPOAb (anticorpi tiroidei contro la tireoperossidasi), FT4 (tiroxina totale e libero), FT3 (triiodotironina totale e libero). E’ il caso che mi rechi presso il centro delle malattie dismetaboliche come prescrittomi durante l’età pediatrica dalla neurologa? La causa dell’ipoglicemia reattiva con conseguenti eventi lipotimci che durano 30-40 minuti possono essere causati dal pancreas che regola i livelli di zucchero nel sangue? Chiedo un vostro consulto da ragazzo e ignorante in materia (in medicina) con la speranza che qualcuno di voi dott.specialisti mi possa aiutare a capire bene questi miei sintomi e soprattuo le cause e le eventuali cure da intraprendere. Eventuale tiroidite può causare l’ipovitaminosi e anche qualcos’altro? Attendo una vostra risposta quanto prima. Vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità. Distinti saluti.

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Sospetta malattia dismetabolica con lipotimia

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

Salve, il quadro clinico è complesso ed è difficile dare una risposta certa; l‘ipoglicemia reattiva descritta indica che la risposta agli zuccheri risulta alterata con una iperproduzione di insulina da parte del pancreas; ciò in genere è causata da dieta troppo sbilanciata verso gli zuccheri semplici con o senza sovrappeso; quindi il mio consiglio è quello di intraprendere un regime alimentare specifico che possa migliorare i sintomi; l‘ipovitaminosi d credo sia causata dal malassorbimento che spesso si associa a celiachia di calcio o di vit d ed anche ciò è risolvibile con una dieta; una tiroidite non causa ipovitaminosi se non associata ad altre patologie autoimmuni (tipo celiachia, gastrite atrofica ecc). La tiroidite può causare solo ipotiroidismo con aumento di peso stanchezza fisica e psichica. Un consulto io comunque lo farei e poi intraprenderei un percorso dietetico specifico. Cordiali saluti

Per altri consulti visita la nostra pagina specifica: “Chiedi all’esperto: Consulti online su Medicinalive

 

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>