Prevenire il rischio di cadute con il Ritalin

La terza età non è solo la fase della vita in cui gli organi e i tessuti invecchiano, dando il via ad una lenta degenerazione dell’organismo: ad indebolirsi sono anche le ossa, che non guariscono velocemente come da giovani dalle fratture e che non sostengono allo stesso modo il corpo.
Questo aumenta il rischio di caduta, incidente comune tra le persone anziane e spesso una tra le principali cause di mortalità per chi è più avanti con gli anni.

I ricercatori dell’Università di Tel Aviv hanno ora messo a punto una nuova terapia per arginare la perdita di equilibrio, evitando così di cadere.
Grazie al Ritalin, principio farmacologico utilizzato comunemente per i disturbi che colpiscono i bambini affetti da sindrome di iperattività, è possibile migliorare le abilità cognitive e motorie degli anziani, scongiurando il pericolo di gravi cadute.
Questa straordinaria scoperta porta la firma del Prof. Jeffrey M. Hausdorff della Sackler School of Medicine ed è stata pubblicata sul Journal of the American Geriatrics Society.

Sesso: rapporti in aumento tra il nonno e la nonna

 

Un luogo comune vuole che le persone più anziane abbiano una libido quasi del tutto spenta, con un drastico calo del desiderio sessuale seguito dall’interruzione dei rapporti con il partner.
In effetti, andropausa e menopausa sono periodi molto difficili per la vita sessuale di un uomo e di una donna in cui le occasioni e gli stimoli per fare sesso vengono spesso a mancare.

 

Tuttavia, una recente ricerca condotta in Svizzera e pubblicata on line dal British Medical Journal, dimostra proprio il contrario: negli ultimi quindici anni il sesso tra over settanta è aumentato notevolmente.