Cucchi, i malati: “Di epilessia non si muore”

Di epilessia non si muore“: è questo il concetto che viene ripetuto da medici e pazienti sulla malattia neurologica in questione da quando la stessa è stata chiamata in causa nel caso della morte di Stefano Cucchi. Sottolineando involontariamente come sia necessario non “macchiare di nuove colpe” una patologia di questa portata.

Nato bambino da Dna di 3 genitori in Messico

E’ nato un bambino con il DNA di 3 genitori in Messico. La tecnica utilizzata, chiamata “fecondazione in vitro con tre genitori“, è stata messa a punto per consentire alle donne alla ricerca di un figlio di non trasmettere malattie ereditarie gravi alla propria prole.

Shaken baby syndrome, informare per proteggere

Informare la popolazione per proteggere i bambini dalla Shaken baby Syndrome, ovvero il risultato dell’errato scuotimento dei piccoli che talvolta viene messo in atto per cercare di calmarli. Ovviamente senza riuscirci. Come si può pensare di dare una sensazione di sicurezza al neonato se lo si scuote in modo violento?

Cannabis terapeutica anche per bambini?

Cannabis terapeutica anche per i bambini? Nulla è certo, ma il prossimo 20 febbraio se ne parlerà in Italia, nel corso di un incontro di approfondimento della tematica, cercando di comprendere se si possono utilizzare i cannabinoidi per curare anche i pazienti pediatrici.

Giornata Internazionale epilessia, l’Italia si tinge di viola

L’8 febbraio si celebra la Giornata Internazionale della Epilessia, una malattia che solo in Italia colpisce 500.000 persone con oltre 30.000 nuovi caso l’anno ma che ancora è troppo poco considerata. Ecco perché in occasione della speciale giornata dedicata a questo disturbo neurologico, l’Italia si accende di viola: tanti i monumenti, da nord a sud, che si coloreranno per sostenere la campagna contro l’epilessia. Tantissime anche le iniziative in tutta Italia che mirano alla sensibilizzazione dei cittadini, ancora troppo poco informati su questa patologia.

Epilessia, cura attraverso la neurochirurgia

Neurochirurgia come cura dell’epilessia. Secondo i dati presentati presso il  XV Congresso mondiale della disciplina medica da poco conclusosi a Roma, grazie a degli interventi mirati condotti secondo le tecniche operatorie attualmente in uso si è in grado di portare alla guarigione per alcune delle sue forme almeno l’80% dei malati.

FDA approva primo farmaco stampato in 3D

La FDA ha approvato il primo farmaco stampato in 3D. Cosa significa questo? Che l’ente americano ha dato il via libera ad una terapia messa a punto non nel modo tradizionale ma con una stampante, dando vita ad una pillola con delle specifiche caratteristiche.

Mummie utilizzate per fare farmaci in passato

Mummie utilizzati per fare farmaci in passato? Sembrerebbe la trama di un film horror. In realtà è il mistero risolto delle mummie dei martiri di Otranto. Una domanda posta per anni dagli storici che ha finalmente trovato risposta e che noi troviamo particolarmente interessante dal punto di vista medico.

Causa deja vu anomalia cerebrale?

Il deja vu? Non è un ricordo ma, secondo la ricerca condotta dagli scienziati dell’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibfm-Cnr) di Catanzaro in collaborazione con l’Istituto di neurologia della locale Università Magna Graecia, un’anomalia del nostro cervello. Di tipo elettrico per l’esattezza.