Strofinacci e intossicazioni alimentari

Strofinacci e intossicazioni alimentari, che relazione c’è tra queste due variabili? Lo spiega una ricerca dell’Università di Mauritius che è stata presentata ad Asm microbe, l’incontro annuale dell’American Society for Microbiology.

 

Olimpiadi Rio 2016, 3 malattie da prevenire

Le Olimpiadi di Rio 2016 sono alle porte. Per gli atleti ed il pubblico proveniente da tutto il mondo questo è sinonimo di intrattenimento ma anche di almeno 3 malattie o problemi di salute da prevenire ad ogni costo per vivere un’esperienza fantastica.

Mondiali in Brasile, i rischi per la salute

Anche i Mondiali in Brasile hanno dei rischi per la nostra salute, sopratutto se ci rechiamo in loco per vedere le partite. E’ il Centro per lo studio delle malattie statunitense di Atlanta, lo CDC, ad aver compilato un esaustivo rapporto di quello che può accaderci se non facciamo la dovuta attenzione ai nostri comportamenti.

Mal di pancia da rientro, come evitarlo

Attenzione ai mal di pancia da rientro. Cosa sono? E’ presto detto: quei disturbi di stomaco o intestinali che di solito ci si procura mangiando dei cibi rimasti in casa nel periodo di ferie passato fuori e non perfettamente conservati. Intossicazioni alimentari che possiamo facilmente evitare.

Intossicazione alimentare: verdure primo rischio

Le verdure rappresentano il primo rischio di intossicazione alimentare per l’essere umano. E’ innegabile che il loro apporto benefico sia immenso e variegato in base alla tipologia di foglia, al loro colore ed alla loro tipologia. Ma se non lavate bene e coltivate con acqua o terreni contaminati possono divenire anche pericolose.

10 regole per prevenire le intossicazioni da funghi

L’autunno è la stagione per eccellenza dei funghi, alimenti ricchi di proteine e Sali minerali, ma da consumare con attenzione. In questo periodo dell’anno, infatti, aumentano gli episodi di intossicazione da funghi, talvolta anche mortali, come nel caso dei  due signori ricoverati in questi giorni nella sezione di anestesia e rianimazione del trapianto di fegato dell’Aoup di Pisa, e poi deceduti nel pomeriggio.

Intossicazioni alimentari: pesce crudo e funghi nel mirino

Attenti a quei due… pesce crudo e funghi, infatti, potrebbero riservare brutte sorprese. Secondo il Ministero della Salute, chi consuma questi alimenti (ma in generale tutti i cibi crudi) è maggiormente esposto al rischio di intossicazioni alimentari. Soprattutto a causa dei funghi, una tradizione culinaria più diffusa nella nostra cultura rispetto al pesce crudo, si registra ogni anno un migliaio di casi di intossicazioni.

Enterite da Escherichia coli

Enterite da Escherichia coli

L’enterite Escherichia coli è un’infiammazione dell’intestino da batterio Escherichia coli. E’ la causa più comune della “diarrea del viaggiatore”.

CAUSE: L’E. coli è un tipo di batterio che normalmente vive nell’intestino dell’uomo e degli animali, senza causare alcun problema. Tuttavia, alcuni ceppi possono provocare intossicazioni alimentari. Un particolare ceppo (E. coli O157: H7) può causare un grave caso di intossicazione alimentare.

Cibo in spiaggia, il decalogo del Ministero del Welfare

Per tutelare la salute del popolo dei vacanzieri il Ministero del Welfare ha pubblicato sul suo sito una sorta di dieci comandamenti da tenere bene a mente quando siamo in ferie, in spiaggia, in montagna, o all’estero, per stare lontani da intossicazioni alimentari, cibo contraffatto, e non incorrere insomma in brutte sorprese che potrebbero rovinarci i tanto agognati giorni di riposo estivo.

Quante volte capita ad esempio che in spiaggia acquistiamo ciambelline, cocco e altri alimenti, bibite, caramelle, oppure di fare la spesa nei mercatini o in macellerie e caseifici che non sono quelli di nostra fiducia dove ci serviamo tutto l’anno. Nell’affidarsi a prodotti  e in mani sconosciute è bene tenere a mente alcune regole d’oro per non avere butte sorprese. Inoltre è bene ricordare che per la conservazione dei cibi in estate bisogna rispettare parametri diversi. Dopo il salto, riportiamo i consigli diffusi dal Ministero del Welfare.