Coronavirus, OMS blocca sperimentazione idrossiclorochina

Clorochinaidrossiclorochina, farmaci antimalarici che si pensava potessero essere efficaci contro il coronavirus, non solo sono stati collegati all’aumento del rischio di sviluppo di patologie cardiache,  ma sono stati anche recentemente oggetto della sospensione dei test dell’Orgnizzazione Mondiale della Sanità, relativamente al loro utilizzo come terapia contro il covid-19.

Caffè assolto dall’OMS: non è cancerogeno

Il caffè non è cancerogeno: la rassicurazione arriva direttamente dall’Organizzazione mondiale della Sanità che sottolinea come la valutazione odierna, rispetto a quella ricevuta nel 1991, scagioni definitivamente questa bevanda. La quale, è meglio specificarlo, va comunque consumata senza esagerare.

Virus Zika, diagnosi in feto

Una diagnosi di virus Zika in un feto affetto da microcefalia è avvenuta lo scorso 24 marzo e notificata ora dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il piccolo non nato è proveniente dalla Martinica: a quali conclusioni ci porta questo fatto?

Virus zika vaccino e test per diagnosi, priorità OMS

Le priorità dell’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, per ciò che riguarda il virus Zika sono al momento un vaccino valido e funzionante ed un test per la diagnosi efficace, in modo tale da poter diagnosticare la presenza del microrganismo in anticipo.

Ebola, Oms presenta piano di emergenza

L’Organizzazione Mondiale della Sanità fa oggi il punto della situazione sull’epidemia di Ebola che sta mettendo in ginocchio la Liberia, la Guinea ed il Sierra Leone, presentando un piano di emergenza per il suo contrasto.

Ebola, cresce l’epidemia. E l’Oms dov’è?

L’epidemia di ebola continua ad espandersi in Africa. I contagiati sono arrivati a 891 con ben 543 vittime, ma sembra che l’Organizzazione mondiale della Sanità pur osservando e tenendo sotto controllo la situazione, non sia intenzionata a lanciare ancora un’allerta a gran voce.

Morbillo e rosolia, da eradicare entro il 2015

Sconfiggere morbillo e rosolia entro il 2015. E’ questo il monito proveniente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in merito a queste due malattie esantematiche. Come fare? Potrebbe essere più semplice di ciò che si crede: applicando in maniera adeguata i piani di vaccinazione già esistenti.

Nuova Sars, non pandemica ma possibile peggioramento

L’attenzione nei confronti del virus Mers, conosciuto anche come “nuova Sars” è un po’ scemato rispetto all’exploit della malattia in mediorientale. Questo non significa però che abbia perso la sua pericolosità. Sebbene al momento l’agente patogeno non venga considerato pandemico, gli esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità si aspettano un peggioramento.

Sigarette elettroniche bocciate dall’ISS

Le sigarette elettroniche sono state bocciate dall’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità. Secondo una relazione recentemente presentata al Ministero della Salute, questi famosi feticci della sigaretta utilizzati in tutto il mondo non sarebbero adatti allo scopo per il quale sono state create, ovvero smettere di fumare.

Inquinamento acustico: persi un milione di anni di vita per il troppo rumore

E’ un aspetto troppo spesso sottovalutato, ma il troppo rumore, specialmente nei centri urbani, può uccidere quasi quanto il cancro o le malattie cardiovascolari. A stabilirlo è una recente ricerca, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo cui nella sola Europa si perdono oltre un milione di anni di vita complessivamente a causa del troppo rumore.

Infarti, disturbi del sonno, difficoltà di apprendimento e tinnito auricolare sono solo i più comuni problemi che causa il troppo rumore, il quale può ridurre la qualità della vita delle persone esposte e di conseguenza favorire alcune condizioni mortali.

Influenza suina: l’Oms ammette gli errori

Lo scorso anno, di questi tempi, scoppiava l’allarme influenza A H1N1. Dopo 365 giorni l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ammesso le carenze nella gestione della pandemia di influenza suina, tra cui una mancata comunicazione di incertezze riguardo il nuovo virus.

Keiji Fukuda, il massimo esperto di influenza dell’OMS, ha detto che l’aver annunciato una pandemia aveva seminato confusione, ed è stato un errore, dato che essa non è stata così mortale come si temeva quando fu paragonata all’influenza aviaria.

La realtà è che c’è una quantità enorme di incertezza (sulla pandemia). Penso che non abbiamo trasmesso l’incertezza. Questo è stato interpretato da molti come un processo non trasparente

ha spiegato Fukuda. I critici hanno detto che il panico sul virus dell’influenza suina, che si è rivelata moderato nel suo effetto, è stato causato dai governi per fare scorta di vaccini che rimanevano poi inutilizzati. Alcuni si sono interrogati sui suoi legami con l’industria farmaceutica dopo che le aziende come la GlaxoSmithKline e Sanofi-Aventis hanno fatto grandi profitti con la produzione del vaccino H1N1.