Creato con stampante 3D osso che si rigenera

E’ stato creato con una stampante 3D un osso sintetico in grado di rigenerarsi. Si tratta di un’invenzione messa a punto dalla collaborazione dell’Università di Milano-Bicocca con gli scienziati dell’Imperial Collage di Londra.

Scrocchiarsi le dita fa male?

Scrocchiarsi le dita fa male? Di teorie al riguardo ce ne sono molte: c’è chi sostiene che sia questo un gesto deleterio per la salute delle ossa e delle articolazioni e chi invece è convinto che non provochi nessuna conseguenza negativa per le mani. A tornare sulla questione è uno studio condotto dalla Università della California che, attraverso una semplice radiografia, ha mostrato cosa succede quando si compie il gesto di scrocchiare le dita.

Dolore all’anca nel bambino e adolescente: cause e rimedi


Il dolore all’anca è un sintomo piuttosto comune tra i bambini e gli adolescenti e può essere correlato a un ampio ventaglio di patologie più o meno gravi. Quando il disturbo è ricorrente, è sempre opportuno rivolgersi allo specialista, perché possa essere effettuata un’indagine approfondita e delineata una diagnosi precisa. Scopriamo insieme cause e rimedi per la cura del dolore all’anca nei bambini e negli adolescenti.

Dolore alle anche: cause, sintomi e cure


Il dolore alle anche è un disturbo piuttosto diffuso, soprattutto tra i soggetti anziani. L’anca è la regione anatomica che collega il tronco alla coscia. L’articolazione dell’anca (in gergo medico articolazione coxofemorale) ha la funzione di unire il femore al bacino, è molto resistente, ma è tuttavia soggetta a usura. Per questo, soprattutto con il passare degli anni, il dolore alle anche può manifestarsi con facilità. In questo articolo individueremo le possibili cause di questo fastidioso disturbo, ne descriveremo i sintomi e, in ultima analisi, andremo a identificare le cure più efficaci.

Scintigrafia ossea, cos’è, a cosa serve, preparazione e precauzioni

La scintigrafia ossea è un esame che si usa nell’ambito della medicina nucleare per individuare eventuali anomalie a carico dello scheletro. Può servire per diagnosticare diverse patologie delle ossa, tumori, matastasi o, ancora, quelle fratture che non possono essere visionate attraverso i normali esami radiologici. Per effettuare una scintigrafia ossea, il paziente verrà sottoposto all’iniezione di un farmaco radioattivo tracciante (a base di difosfonati marcanti con Tc-99m MDP Tc – 99m) per via endovenosa. I difosfonati si fissano laddove sono presenti lesioni, infiammazioni o altre condizioni cliniche anomale. La successiva acquisizione delle immagini permette di identificare le alterazioni.

Ernia del disco: sintomi, cause e cure


Mal di schiena: un nemico tanto comune quanto fastidioso. Quando dobbiamo preoccuparci? I veri problemi sorgono se il dolore diventa intollerabile, stenta ad abbandonarci e tende a diffondersi in tutto il corpo. Campanelli di allarme che possono essere indice di una discopatia, ovvero di una patologia che colpisce la colonna vertebrale. La più diffusa? L’ernia del disco, altresì conosciuta come ernia discale. Oggi capiremo cos’è, ne definiremo cause, sintomi e scopriremo quali sono le cure più efficaci.

Ginocchio varo nel bambino: cause, diagnosi, esercizi correttivi e cure

Il ginocchio varo, come quello valgo, è una deformità che colpisce gli arti inferiori e consiste in una deviazione degli stessi verso l’esterno. Entro i 36 mesi si tratta di un fenomeno del tutto fisiologico, ma al di fuori di questo periodo è necessario intervenire per correggere il difetto di allineamento in quanto il carico sull’articolazione non viene distribuito su tutta la superficie articolare in modo equo, ma diventa eccessivo solo su un lato, con conseguente usura della cartilagine che nella vita adulta può provocare artrosi.

Calcio alimenti che lo contengono, fabbisogno e benefici

Il calcio è un minerale molto importante per la nostra salute. L’organismo, infatti, ne ha bisogno per mantenere forti le ossa, ma anche per consentire il passaggio delle informazioni dal cervello al corpo attraverso i nervi e il rilascio di enzimi e ormoni. Il periodo della vita in cui si richiede un più alto fabbisogno di questo minerale è nell’infanzia, ma anche durante la gravidanza e l’adolescenza.

Droga: la cocaina distrugge le ossa del volto (video)

Droga: la cocaina distrugge, praticamente “mangia”, le ossa del naso e del volto. Quella che sembrava una leggenda metropolitana che raccontava di un famoso imprenditore con la narice d’oro per proteggersi dagli effetti dell’uso della cocaina pare essere confermata da un video appena diffuso. Si parla spesso di effetti collaterali sulla psiche, sui neuroni, sugli organi interni, dell’uso e dell’abuso di sostanze stupefacenti, ma ora si è scelto l’impatto visivo, per combattere le droghe. Ancora una volta sono state scelte immagini forti per prevenire pericolose malattie o come in questo caso effetti collaterali. Un video shock diffuso ieri nel corso della presentazione delle “Linee di indirizzo sull’uso di cocaina e sulle lesioni distruttive facciali per specialisti otorinolaringoiatri”, un lavoro realizzato dalla  Società Italiana di Otorinolaringoiatria, il Ministero della Salute ed il Dipartimento per le Politiche Antidroga (DPA).

Categorie Senza categoria

Fratture al femore e osteoporosi, al via la campagna di prevenzione

Il 29 maggio parte l’iniziativa “Stop alle fratture“, per sensibilizzare le donne over 65 che hanno subito un frattura al femore, e più in generale, per informare i cittadini sui rischi legati all’osteoporosi, sugli accertamenti diagnostici da fare per ridurre il rischio di fratture future e sui trattamenti post intervento.

La campagna, è promossa dalle 5 società scientifiche italiane che si occupano di malattie metaboliche dell’osso, e offre la possibilità di una visita gratuita con uno specialista. In Italia, nel 2005 si sono verificati più di 90.000 ricoveri per fratture femorali, spia anche dell’invecchiamento della popolazione, un fenomeno destinato ad aumentare con il passare del tempo, soprattutto in assenza di interventi terapeutici mirati e che inciderà non solo sulla qualità della vita, ma anche sul bilancio del Servizio Sanitario Nazionale.

Vitamina K, alleata del benessere osseo

Avere ossa sane? Il segreto consta nel mantenere sempre buoni livelli di vitamina K nell’organismo e quindi consumare una dieta che favorisca questo particolare tipo di apporto. Inutile dire che le ossa sono importanti per noi perché rappresentano la nostra struttura, ciò che ci tiene in piedi.

Essere affetti da malattie che le riguardano rappresenta un grave problema per il nostro corpo. Basta pensare all’osteoporosi ed alle conseguenze che la stessa reca con sé. Non solo perché se un osso si rompe sia comunque difficile riaggiustarlo man anche perché se sistemarlo non è possibile, si rischia di rimanere disabili e non avere un tenore di vita dignitoso.

Osteosarcoma

Osteosarcoma

L’osteosarcoma è un cancro (tumore maligno) alle ossa che di solito si sviluppa durante il periodo di rapida crescita che si verifica nell’adolescenza.

CAUSE: L’osteosarcoma è il tumore osseo più comune nei giovani. L’età media è di 15 anni. Ragazzi e ragazze hanno un’incidenza simile fino alla tarda adolescenza, quando i ragazzi sono più comunemente colpiti. La causa non è nota. In alcuni casi, l’osteosarcoma è ereditario, e almeno un gene è stato collegato al rischio aumentato. Questo gene è associato anche al retinoblastoma, un tumore dell’occhio che si verifica nei bambini.

Osteopenia

Osteopenia

L’osteopenia è una diminuzione della quantità di calcio e fosforo nelle ossa. Ciò può causare la debolezza e fragilità ossea e aumentare il rischio di fratture.

CAUSE: Nel corso degli ultimi 3 mesi di gravidanza, una grande quantità di calcio e fosforo vengono trasferiti dalla madre al bambino in modo che le ossa del bambino crescano. Un bambino prematuro potrebbe non ricevere la giusta quantità di calcio e fosforo necessari per formare ossa forti. Mentre è nel grembo materno, aumenta l’attività del feto nel corso degli ultimi 3 mesi di gravidanza. Questa attività è ritenuta importante per lo sviluppo osseo. La maggior parte dei neonati molto prematuri hanno attività fisica limitata e ciò può anche contribuire alla debolezza delle ossa.