Potassio alto, quale cura?

>La cura per l’ipercaliemia (potassio alto) si basa sulla terapia della causa sottostante e dalla gravità dei sintomi (ovvero se tale condizione ha già colpito il cuore e si hanno anomalie dell’elettrocardiogramma), nonché sullo stato generale di salute di ogni singolo paziente. In caso di compromissione cardiaca devono essere effettuate delle terapie di emergenza, in genere in una struttura ospedaliera, mentre nei casi lievi è possibile un trattamento a domicilio o comunque a livello ambulatoriale. L’obiettivo è sempre e comunque quello di abbassare i livelli di potassio in modo rapido e stabilizzare la frequenza cardiaca. Ecco in cosa possono consistere queste cure.

Potassio alto, da che può dipendere?

Il potassio è un elettrolita molto importante per l’organismo umano, a patto che rimanga nei livelli normali ovvero tra i 3,6 ed i  5,2 millimoli per litro (mmol / L). Avere un livello di potassio nel sangue superiore a 7,0 mmol / L può essere molto pericoloso, anche per la vita e necessita di una cura immediata. Il termine medico per indicare questa condizione è “ipercaliemia”. Da cosa possono dipendere valori troppo alti di questo minerale nel sangue?

Potassio alto (ipercaliemia), i sintomi

L’iperkaliemia (o potassio alto) è un problema relativamente comune. Le cause possono essere numerose e sono spesso trattabili. Tuttavia è un’analisi del sangue che andrebbe fatta di routine in chi soffre di determinate patologie (ad esempio cardiache o renali), per tenere sotto controllo la situazione. Livelli molto alti infatti possono mettere a rischio anche la vita. In genere comunque l’ipercaliemia è lieve e difficilmente da sintomi, ma va sottolineato che il disturbo che si sviluppa lentamente nel tempo produce meno sintomi rispetto ad un improvviso aumento dei livelli di potassio.

Carenza potassio, cuore a rischio?

Carenza di potassio, cuore a rischio? Quali sono i sintomi che sorgono nell’organismo quando soffriamo di un deficit di questo elemento? Scopriamolo insieme per salvaguardare la nostra salute.

Caldo, integrare il potassio con le prugne

Il caldo dell’estate può essere combattuto reintegrando il potassio perso attraverso le prugne. Il calore porta il nostro corpo a sforzarsi di mantenere invariati ed ottimali i propri equilibri elettrolitici e la necessità di reintegrare i sali minerali persi con la sudorazione è alta.

Potassio alto: cause, sintomi, terapia e cosa mangiare

Il potassio è un minerale molto importante per la salute del nostro organismo, poiché assieme al sodio regola l’equilibrio idrico nel corpo e i processi osmotici nelle cellule. Inoltre, è coinvolto nella trasmissione degli impulsi nervosi e nella contrazione dei muscoli. Una sua carenza (ipokaliemia) può causare diversi disturbi, ma anche un suo eccesso (iperkaliemia).

Potassio negli alimenti (FOTO)

Il potassio è un minerale molto importante. La sua funzione principale è quella di regolare (assieme al sodio) la quantità di liquidi presente nel nostro organismo, ma è coinvolto anche nella contrazione muscolare (in modo particolare del muscolo cardiaco) e nella trasmissione degli impulsi nervosi. Una sua carenza, infatti, può causare diversi disturbi, dal senso di spossatezza generale a gravi aritmie cardiache. Lo stesso discorso vale per concentrazioni troppo elevate di questo minerale. Vediamo insieme quali sono gli alimenti più ricchi di potassio.

Meno sale nella dieta, nuove linee guida dell’OMS

Non è di certo un mistero che il sale, quando in eccesso, è un temibile nemico per la salute. A tal proposito, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha emanato le nuove linee guida, che riducono la quantità di sale giornaliera raccomandata e introducono per la prima volta un limite per il potassio. Chi ha alti livelli sodio e bassi livelli di potassio, infatti, sarebbe più esposto al rischio di sviluppare l’ipertensione e di conseguenza malattie cardiovascolari.

Integratori e sport: meglio la banana

L’attività fisica è basilare per il nostro benessere, ma quando ci si cimenta nello sport, il lavoro che i nostri muscoli compiono porta l’organismo a perdere sali minerali, zuccheri, vitamine. Di solito si ricorre a degli integratori sportivi per reintegrare le sostanze perse. Da oggi mangiate una banana: funziona più e meglio, donandovi immediatamente energia.

Ipercaliemia

Ipercaliemia

L’ipercaliemia si ha con livelli più elevati del normale di potassio nel sangue.

CAUSE: Il potassio si occupa della regolazione del tessuto muscolare, e fa parte della digestione, il metabolismo e l’omeostasi (il mantenimento di un equilibrio tra i molti processi elettrici e chimici del corpo). L’ipercaliemia si verifica quando il livello di potassio nel sangue è superiore al normale. Questo potrebbe essere correlato ad un aumento del potassio corporeo totale o alla liberazione di potassio in eccesso dalle cellule nel sangue.

Banane e carote “provocanti”: rischio per la salute delle donne in Finlandia?

Banane e carote sotto accusa in Finlandia, dove una serie di avvocati, impegnati nella lotta alle molestie sessuali (sia nei confronti delle donne che in quelli degli uomini, n.d.r.) hanno deciso, attraverso una vera e propria class action, mettere sotto accusa il consumo di questi ortaggi in pubblico da parte delle donne. Una provocazione certo, ma che porta a riflettere. E se la proposta di divieto venisse realmente presentata e  passasse? Nessuno pensa alla salute delle donne?