Infertilità e difetti di nascita controllabili con la restrizione calorica?

Una strategia che ha dimostrato di ridurre i problemi di salute legati all’età, manifestata per ora solo con studi su animali diversi, può anche combattere una delle principali cause di infertilità e difetti alla nascita associate all’età. Gli studiosi del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno dimostrato che limitare l’apporto calorico nei topi femmina impedisce uno spettro di anomalie, come ad esempio copie extra o mancanti di cromosomi, che sorgono più frequentemente nell’invecchiamento delle cellule uovo dei mammiferi di sesso femminile.

Invecchiare senza malattie si può

L’evidenza e gli studi sugli animali ci hanno insegnato che è possibile vivere più a lungo grazie ad una sana alimentazione. Ora ne abbiamo la certezza scientifica anche per ciò che riguarda gli esseri umani. Come? Riducendo le calorie nella dieta.

La ricerca, appena pubblicata sulla prestigiosa rivista internazionale Science, è frutto del lavoro di un italiano, il prof. Luigi Fontana, direttore del reparto di Nutrizione ed Invecchiamento dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e responsabile del progetto di studio realizzato insieme alla Washington University School of Medicine di St Louis negli Stati Uniti.

Individuati enzimi allunga-vita

Partendo dal dato di fatto che le popolazioni giapponesi vivono più a lungo, da anni si cerca di capire come questo sia possibile, e ci si è sempre concentrati sulla dieta, ben diversa da quella italiana o americana. Analizzando le abitudini alimentari, ci si è resi conto che nelle isole più “longeve”, quelle di Amami e Okinawa, dove arrivare a 100 anni non è una cosa rara, si seguono diete ipocaloriche, con circa 1800 calorie al giorno, contro le 2500 italiane e le 3000 statunitensi.

Ma attenzione, non significa che una dieta con poche calorie si può ottenere non mangiando, ma semplimente mangiando cibi che contengono poche calorie che attivano dei particolari enzimi, i quali sono in grado di spazzare via meglio i grassi e far rimanere più in salute il corpo ospitante.

Come vivere più a lungo e più in forma rispettando dieci semplici regole

Tutti quanti noi vorremmo conoscere il segreto per vivere più a lungo ma senza troppi acciacchi. Ebbene sembra che per raggiungere l’obiettivo basti osservare dieci piccole regole molte delle quali, dettate già dal buon senso, hanno finito anche per trovare una spiegazione scientifica. Il segreto per vivere più sani più a lungo è custodito, come è facile immaginare, nelle nostre scelte alimentari, nel nostro stile di vita e nell’attenzione che poniamo alla nostra salute.

La prima regola da rispettare è mangiare poco. Il dottor Maoshing Ni, autore del libro “I segreti della longevità” ha esaminato la dieta di un centinaio di individui che avevano vissuto fino a circa 100 anni. I dati che ha ottenuto mostrano che queste persone hanno sempre avuto l’abitudine di interrompere il pasto prima di sentirsi completamente sazi. D’altra parte moltissimi studi hanno già dimostrato il legame fra la cosiddetta restrizione calorica e la longevità di topi da laboratorio. Allo stesso modo, seguire una dieta ricca di acidi grassi omega 3 aiuta a mantenersi in forma.