Trapianto midollo osseo, 5 cose da sapere

Il trapianto di midollo osseo, detto anche trapianto di cellule staminali emopoietiche, è un intervento attraverso il quale si sostituisce un midollo osseo malato con un altro proveniente da un donatore sano. L’obiettivo è quello di ristabilire la normale produzione di cellule del sangue. Tante le cose da sapere in merito, eccone alcune.

Cancro, la lotta di Giorgia sul web

Avere 23 anni e la voglia di vivere nonostante la malattia. Giorgia lotta ogni giorno contro il cancro e condivide la sua battaglia sul web. Un modo per tenersi in contatto con il mondo che sembra volere andare avanti senza di lei, ma anche uno strumento per trovare la forza di continuare a lottare.

Sclerosi multipla, nuova cura grazie a trapianto di midollo osseo?

Arrivano nuove speranze per i malati di sclerosi multipla che potrebbero migliorare di gran lunga il loro stato di salute grazie a un trapianto di midollo osseo. A rivelarlo è uno studio del Royal Hallamshire Hospital di Sheffield, in Gran Bretagna, che parla di trattamento a base di cellule staminali utilizzato per contrastare il cancro come possibile soluzione per la cura anche per la SM.

Giornata della donazione del midollo osseo, il 26 settembre

Il 26 settembre si festeggia la giornata della donazione del midollo osseo, attraverso la quale si cercherà di sensibilizzare chiunque sulla importanza di un così generoso gesto che potrebbe salvare la vita a moltissime persone. La giornata è sponsorizzata da ADMO con la collaborazione dei clown di corsia VIP Italia e numerose realtà di volontariato come Avis, Fidas, Fratres, Croce Rossa Italiana, Pubbliche Assistenze e associazioni di clown di corsia. L’obiettivo è quello di incentivare i giovani dai 18 ai 35 anni ad iscriversi al Registro Italiano Donatori Midollo Osseo.

Aids: guarigione dopo un trapianto di midollo, nuove speranze di cura?

Un trapianto di midollo con cellule staminali realizzato già 4 anni fa sembra aver definitivamente guarito dall’Aids Timothy Ray Brown. E’ la prima persona al mondo a guarire dal pericoloso virus dell’Hiv di cui nel suo organismo non c’è più traccia.  La notizia clamorosamente positiva arriva dalla rivista scientifica Blood, in cui in caso viene riportato. L’uomo, affetto da Leucemia mieloide cronica e con un’infezione da Hiv già conclamata,  era stato sottoposto ad un trapianto di midollo da un donatore particolare. Si trattava di una di quelle persone con mutazione genetica tale da provocare l’immunità dal virus dell’Hiv.

Ebbene pare proprio che questa proprietà si sia trasferita anche nel 42enne statunitense malato. Già dal 1990 è stata scoperta individuata l’esistenza di alcune persone (l’1%) per lo più di origine Nord-Europea (caucasica) con queste caratteristiche genetiche che sembrano dare un’immunità dall’Aids, e la ricerca ha molto puntato su queste.

Sclerosi multipla, individuata cura dal trapianto di midollo

Si accende un barlume di speranza per i migliaia di pazienti affetti da sclerosi multipla. Lo spiraglio di una nuova cura viene dal trapianto di midollo che pare abbia riportato risultati positivi arrestando il decorso della malattia.
A scoprire le implicazioni terapeutiche delle staminali sulla patologia è stato uno studio clinico i cui risultati sono stati divulgati in una nota dalla rivista di divulgazione scientifica britannica Lancet Neurology, che pubblicherà il resoconto completo della sperimentazione on line sul numero di marzo.

Ad essere sottoposti alla rivoluzionaria terapia sono stati ben 21 pazienti affetti da sclerosi. Si tratta di una malattia autoimmune, in cui le cellule del sistema immunitario del paziente impazziscono e attaccano anche le fibre nervose, con conseguenze gravissime. Fino ad ora la sclerosi veniva soltanto rallentata nel suo decorso patologico, ma era impossibile arrestarne l’inevitabile fatale percorso.