Home » MEDICINA TRADIZIONALE » Oncologia » Glioblastoma di 4° grado, ipertemia funziona?

Glioblastoma di 4° grado, ipertemia funziona?

Richiesta di Consulto Medico
“Buongiorno, a mia mamma è stato diagnosticato un Glioblastoma di 4° grado a seguito di disturbi di afasia. Il 14 luglio ha effettuato intervento chirurgico di asportazione della massa più grande (circa 5 cm). In data 21 agosto una nuova RMN ha fatto emergere un quadro clinico peggiore del pre-intervento con recidiva. Attualmente si parla di: “residuo neoplastico (diametro AP, LL e cranio-audale di circa 5 cm) temporo-parietale sx. Aumentato di dimensioni anche l’irregolare nodulo neoplastico insulare posteriore sx (19x23mm), con minuto nodulo satellite di circa 4mm”. Attualmente in corso ciclo di radioterapia (12/13 frazioni). Chiedo se possibile valutare ipertermia. Grazie.”


Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema GLIOBLASTOMA 4° GRADO

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

“Gentile Signora, i glioblastomi sono neoplasie assai temibili con alto tasso di recidiva. L‘ipertermia può essere impiegata nella condizione descritta quale coadiuvante sinergico rispetto al trattamento radiante. Cari saluti. Dr. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it”

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento