Sospetta artrite, che fare?

di Cinzia Iannaccio 0

Artrite

Richiesta di Consulto Medico su sospetta artrite
Salve Dottore e grazie anticipatamente per il suo consulto online. Mi sono recata da un ortopedico perchè ho notato gli alluci dei piedi essere un pò valghi e soprattutto sentivo un fastidio sotto la pianta del piede destro che incideva sulla postrura dell’intera gamba in quanto sentivo che non appoggiavo bene il piede; inoltre ho notato gli indici delle mani girate lievemente verso le altre dita e sensazioni alle mani come calore, vibrazione, qualche doloretto e poi qualche problema cervicale per cui avevo fatto delle manipolazioni. Lo specialista mi ha detto che devo fare le lastre dei piedi della cervicale e soprattutto delle mani e degli esami del sangue, ves cpr e reuma tests perchè probabilmente ho l’artrite e potrei avere la reumatoide. Si può immaginare quanto sono spaventata. Ora lei cosa ne pensa? Premetto che non faccio sport nè attività fisica e che lavoro al pc, non possono essere sintomi dovuti a questo? Una malattia del genere può rovinare la vita di una persona, io ho solo 38 anni, mi sento malissimo, può aiutarmi? Grazie infinite.

 

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema Sospetta Artrite o cosa?

 

Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica. Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

 

Ill,ma ,non bisogna mai allarmarsi più di tanto, lo specialista che Lei ha consultato ha agito bene, richiedendo i giusti esami. Per una migliore specificità io Le consiglio di farsi vedere da un Reumatologo. Tenga presente che prese in tempo oggi queste patologie si curano benissimo. Saluti F.Bizzarri

 

 

 

Leggi anche:

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

 

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Artrite

Artrite è l’infiammazione di una o più articolazioni, che si traduce in dolore, gonfiore, rigidità, e limitata circolazione. Ci sono oltre 100 diversi tipi di artrite.

CAUSE: L’artrite comporta la ripartizione della cartilagine. Essa normalmente protegge l’articolazione e consente una regolare circolazione. Assorbe gli urti anche in caso di pressione, ad esempio quando si cammina. Senza una buona cartilagine, le ossa tendono a strofinarsi, causando dolore, gonfiore (infiammazione), e rigidità. L’infiammazione comune potrebbe esiste per una varietà di ragioni, tra cui:

  • Una malattia autoimmune;
  • Rottura di ossa;
  • Generale usura;
  • Infezione.

Spesso l’infiammazione va via dopo la prima cura, in modo da cancellare l’infezione. Con alcuni infortuni e malattie, l’infiammazione non va via e i risultati a lungo termine possono essere dolore e deformità. Quando questo accade, si tratta di artrite cronica. L’osteoartrosi è il tipo più comune ed è più probabile che si verifichi con l’età. Si può percepire in una qualsiasi articolazione, ma più comunemente nei fianchi, ginocchia o dita. Fattori di rischio per l’osteoartrite possono comprendere:

  • Essere in sovrappeso;
  • Infortuni precedenti all’articolazione;
  • Ricevere colpi continui sempre nello stesso punto (atleti, ballerini, e muratori sono tutte categorie a rischio);
  • Spondilite anchilosante;
  • Infezioni da funghi come blastomycosis;
  • Artrite gonococcica;
  • Gotta;
  • Artrite reumatoide giovanile (nei bambini);
  • Altre infezioni batteriche;
  • L’artrite psoriasica
  • Artrite reattiva (sindrome di Reiter)
  • L’artrite reumatoide (negli adulti)
  • Scleroderma
  • Lupus eritematoso sistemico (LES)
  • Borreliosi di Lyme;
  • Artrite tubercolare;
  • Artrite virale.

L’artrite può verificarsi negli uomini e nelle donne di tutte le età.

SINTOMI: I sintomi più comuni sono:

  • Dolore all’articolazione interessata;
  • Gonfiore;
  • Riduzione capacità di movimento;
  • Arrossamento della pelle;
  • Rigidità delle articolazioni, soprattutto al mattino;
  • Calore nei pressi dell’articolazione.

DIAGNOSI: Il primo passaggio è capire se si tratta di artrite o di altri problemi muscolo-scheletrici. Quindi, un approfondito esame fisico può dimostrare la raccolta di liquido nell’articolazione (effusione). La malattia è presente quando l’articolazione è arrossata, dolorosa e difficile da ruotare. In alcune forme autoimmuni, le articolazioni possono diventare deformi se la malattia non viene curata in tempo. Altri test comuni sono l’esame del sangue e delle articolazioni ai raggi-X. Per verificare la presenza di infezioni e altre cause di artrite (come la gotta), il fluido viene rimosso con un ago ed esaminato al microscopio.

TERAPIA: Il trattamento dell’artrite dipende dalla particolare causa, dalla gravità della situazione, dall’età e professione del paziente. La terapia si concentrerà sul tentativo di eliminare la causa dell’artrite. Tuttavia, la causa non è curabile in tutti i casi, come con osteoartrosi e l’artrite reumatoide. Quindi si cercherà almeno di ridurre il dolore e disagio e prevenire ulteriori disabilità. È possibile migliorare notevolmente i sintomi da osteoartrite e altri tipi a lungo termine senza farmaci, ma con cambiamenti nello stile di vita. Fare esercizi per l’artrite è necessario per mantenere sane le articolazioni, alleviare la rigidità, ridurre il dolore e la fatica, e migliorare la forza muscolare e ossea. Questi esercizi, a seconda dell’individuo, comprendono:

  • Aerobica a bassa incidenza;
  • Gamma di movimenti per la flessibilità;
  • Rinforzo del tono muscolare

Un ortopedico può chiedere terapie con stecche o dispositivi di sostegno per allineare le articolazioni. Questo caso può essere particolarmente necessario per l’artrite reumatoide. Altre tecniche sono la terapia con l’acqua, il ghiaccio, massaggi, o stimolazione del nervo transcutaneo (TENS). E’ molto importante dormire 8/10 ore per notte, evitare sempre la stessa posizione in ufficio troppo a lungo, evitare posizioni o movimenti che stressino le articolazioni colpite, modificare la disposizione della casa per rendere più facili le attività come installare delle sbarre nella doccia, vasca, e vicino al WC, ridurre lo stress, provare la meditazione, yoga o tai chi. Infine può aiutare anche:

  • Applicare la crema capsaicina sulla pelle;
  • Seguire una dieta ricca di vitamine e minerali, in particolare antiossidanti come vitamina E (frutta e verdura). Ottenere selenio da lievito di birra, germe di grano, aglio, grani interi, semi di girasole, e noci. Assumere acidi grassi omega-3 di pesci d’acqua dolce (come i salmoni, sgombri e aringhe), olio, soia, olio di soia e semi di zucca;
  • Assumere glucosamina e chondroitin.

FARMACI: I più comuni, che ricordiamo devono essere assegnati dal medico, sono:

  • Acetaminofene (Tylenol);
  • Aspirina, ibuprofene o naprossene;
  • Etanercept (Enbrel);
  • Infliximab (Remicade);
  • Adalimumab (Humira);
  • Orencia (Abatacept);
  • Rituxan (rituximab);
  • Corticosteroidi (o steroidi);
  • Cicloossigenasi-2 (COX-2);
  • Immunosoppressori.

In alcuni casi, un intervento chirurgico per ricostruire l’articolazione (artroplastica) o per sostituirlo possono aiutare a mantenere uno stile di vita più normale. Le normali articolazioni contengono un lubrificante chiamato liquido sinoviale. In articolazioni affette da artrite, questo fluido non è prodotto in quantità adeguate. In alcuni casi, un medico può iniettare un fluido sintetico nella zona interessata.

PREVENZIONE: Contattare il medico se:

  • Il vostro dolore persiste al di là dei 3 giorni;
  • Gravi e inspiegabili dolori articolari;
  • L’articolazione si è gonfiata;
  • Difficoltà di movimento;
  • Pelle arrossata e calda al tatto intorno all’articolazione;
  • Febbre o perdita di peso non intenzionale.

Se l’artrite viene diagnosticata e curata in tempo è possibile evitare ulteriori danni. E’ importante scoprire se in famiglia ci sono stati casi di artrite, anche se non con sintomi in comune. Prestare attenzione a non sovraccaricare o danneggiare l’articolazione. Evitare i movimenti ripetitivi. Anche l’eccesso di peso aumenta il rischio per lo sviluppo di osteoartrite alle ginocchia e ai fianchi.

Fonte: [http://health.nytimes.com; PS D’Cruz, Khamashta MA, Hughes GR. Lupus eritematoso sistemico. Lancet. 2007; Gregory PJ, Sperry M, Wilson AF. Integratori alimentari per osteoartrite. Am Fam medico; Smolen JS, Aletaha S, M Koeller, Weisman MH, Emery P. nuove terapie per il trattamento dell’artrite reumatoide. Lancet. 2007.]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>