I contraccettivi orali diminuiscono il rischio di morte oltre i 50 anni

di Redazione 0

Le donne che usato regolarmente la pillola contraccettiva hanno meno probabilità di morire per qualsiasi causa, compresi tutti i tumori e malattie cardiache, rispetto a chi non le utilizza, secondo una ricerca pubblicata dal British Medical Journal. I risultati mostrano un rischio leggermente più elevato nelle donne sotto i 45 anni che prendono o hanno preso di recente la pillola.

Gli autori sottolineano che gli effetti nelle donne più giovani scompaiono dopo circa 10 anni. Inoltre, i benefici nelle donne più anziane sono superiori ai rischi minori tra le più giovani. Lo studio continua a trovare un più alto tasso di morte violenta o accidentale tra le utenti di contraccettivi orali rispetto alle non utilizzatrici. Gli autori però non sono in grado di spiegare questo risultato persistente.

Nel maggio 1968, il Royal College of General Practitioners (RCGP) ha iniziato il RCGP Oral Contraception Study, uno dei più grandi del mondo sugli effetti sulla salute dei contraccettivi orali. Le prime relazioni dello studio RCGP hanno suggerito un aumentato rischio di morte tra i consumatori di contraccettivi orali, soprattutto a causa di un eccesso di ictus o di altri problemi vascolari tra le donne più anziane o le fumatrici. Anche se una successiva relazione suggerisce che questi effetti scompaiono una volta che la pillola non si prende più, al momento ci sono stati relativamente pochi casi di diversi tipi di cancro.

Questi ultimi risultati, ottenuti dal professor Philip Hannaford dell’Università di Aberdeen, riguardano le 46.000 donne reclutate, seguite per circa 40 anni, creando più di un milione di anni di osservazione. I risultati mostrano che nel lungo termine, le donne che hanno usato contraccettivi orali hanno avuto un tasso significativamente più basso di morte per qualsiasi causa, comprese le malattie cardiache e tutti i tumori (in particolare dell’intestino, dell’utero e tumori ovarici) rispetto alle non consumatrici.

Ciò equivale a 52 morti in meno ogni 100.000 donne ogni anno. Leggermente più alti tassi sono stati rilevati tra le giovani donne che avevano usato contraccettivi orali, con 20 morti ogni 100.000 tra quelle di età inferiore ai 30 anni, e altre quattro morti ogni 100.000 tra i 30-39 anni.

Ma dai 50 anni di età in poi, i benefici superavano questi rischi modesti, con 14 morti in meno ogni 100.000 tra i 40-49 anni, 86 morti in meno ogni 100.000 per 50-59 anni, 122 morti in meno ogni 100.000 per 60-69 anni , e 308 morti in meno ogni 100.000 per 70 anni e oltre. Spiega Hannaford

Molte donne, specialmente quelle che hanno utilizzato la prima generazione di contraccettivi orali, molti anni fa, possono essere rassicurate dai nostri risultati. Tuttavia, i nostri risultati potrebbero non riflettere l’esperienza di donne che usano i contraccettivi orali di oggi, se le preparazioni attualmente disponibili comportano un rischio diverso rispetto ai prodotti precedenti.

Gli autori concludono che i loro risultati, ottenuti in un gruppo relativamente sano, mostrano che

la contraccezione orale non è significativamente associata ad un aumentato rischio a lungo termine della morte […] anzi un beneficio netto è stato evidente.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>